Cannabis sintetica: perché evitare a tutti i costi questo farmaco?

Conoscevamo i cannabinoidi prodotti dalla cannabis e quelli, chiamati endocannabinoidi, prodotti dal corpo umano. Adesso ne sentiamo parlare sempre più regolarmente cannabis sintetica, erba sintetica o THC sintetico. Tuttavia, questa cannabis sintetica è più di una semplice copia di laboratorio.

Weedy.fr spiega di cosa si tratta e perché è meglio stare alla larga da questo prodotto e dai suoi effetti il ​​più possibile.

Cos'è la cannabis sintetica?

Cannabis sintetica in laboratorio

I cannabinoidi possono essere ricreati in laboratorio

In chimica, distinguiamo tra una molecola naturale e una molecola sintetica. Il primo, come suggerisce il nome, è creato organicamente in natura, senza intervento umano. Parliamo anche più precisamente di molecola chimica naturale. Il secondo, al contrario, viene creato da zero in laboratorio. Letteralmente quindi, la cannabis sintetica è semplicemente una pianta nata sotto la mano degli scienziati.

Tecnicamente, quindi, un cannabinoide sintetico lo è rigorosamente identico a un cannabinoide naturale. A priori quindi, nessun problema. Salvo che…

Come viene creata la cannabis sintetica?

Lungi dall'essere una varietà creata dall'uomo, la cannabis sintetica è in realtà una varietà copia volgare. Nello specifico, alcune aziende senza scrupoli cercano di aggirare la legge vendendo piante imbevute di molecole sintetiche che imitano i cannabinoidi. E non solo una per quella materia, queste molecole generalmente attivano gli stessi recettori del rilevabile.

Alla fine, questa pseudo cannabis imbevuta di THC sintetico ha assolutamente non correlato alla cannabis legale, anche se questo è ciò che affermano i suoi rivenditori.

Rischi di erba sintetica

Sebbene imiti l'aspetto, la cannabis sintetica non ha nulla a che fare con la cannabis!

Sebbene imiti l'aspetto, la cannabis sintetica non ha nulla a che fare con la cannabis!

Il problema principale con l'erba sintetica è che cerca di eludere la legge offrendo ai suoi acquirenti i cosiddetti prodotti legali che sembrano una droga: effetti più potenti della cannabis normale (compreso il mercato nero), effetti collaterali significativi, forte potere di dipendenza, eccetera. L'elenco è lungo e spaventoso da vedere. Capirai, il principale svantaggio della cannabis sintetica è che è tutt'altro che cannabis e presenta, sotto copertura, rischi molto più seri.

In Europa, è già relativamente facile acquistare cannabinoidi sintetici su Internet, con il primo conseguenze catastrofiche, anche se la pratica rimane aneddotica. Negli Stati Uniti, invece, come spesso accade, già in una fase più avanzata. A volte essere un pioniere significa anche dover indossare qualche cerotto. Solo nel 2015, i centri antiveleni americani hanno ricevuto più di 7000 chiamate relative al consumo di erba sintetica. In programma, reazioni molto diverse: allucinazioni, paranoia, aggressività eccessiva, disturbi di stomaco, ecc.

In tutti i casi, i consumatori ei loro parenti evocano un certo "effetto zombie", caratterizzato da a perdita di controllo più o meno importante. Nei casi più gravi, la cannabis sintetica può portare a forme gravi di avvelenamento anche, in casi estremi, a attacco di cuore che porta alla morte.

È possibile rilevare la cannabis sintetica?

Difficile (impossibile?) Riprodurre la complessità dell'equilibrio naturale tra i cannabinoidi

Difficile (impossibile?) Riprodurre la complessità dell'equilibrio naturale tra i cannabinoidi

No, e questo è uno degli altri grandi problemi con la cannabis sintetica. Dal momento che imita solo la cannabis classica, non si avvicina abbastanza per essere rilevato dai test sicurezza stradale convenzionale, o anche test antidoping. Ciò incoraggerebbe l'acquisto di cannabinoidi sintetici da parte di atleti o militari. Un vero problema quando si conoscono i potenziali rischi a cui sono esposti i propri consumatori. In Europa, il primo morte per overdose sono stati segnalati anche in Gran Bretagna e Paesi Bassi. Peccato per un farmaco che si spaccia per un sostituto di una pianta che a volte è certamente stupefacente, ma che non porta mai al sovradosaggio.

Cannabis sintetica e CBD sintetico: non mischiarlo

Capirai, quella che viene chiamata cannabis sintetica o THC sintetico è soprattutto a farmaco chimico. È quindi importante non confonderlo con il CBD sintetico che, se non è perfetto, è ben lungi dal presentare gli stessi rischi.

Cos'è il CBD sintetico?

Ciò che viene comunemente chiamato CBD sintetico è semplicemente una molecola di cannabidiolo creata in laboratorio, copia carbone del buon vecchio CBD che sappiamo.

Presenta alcuni vantaggi, che i produttori (farmaceutici, industria alimentare o altri) non esitano a sottolineare:

  • riserve nelle specie chimiche naturali sono limitato,
  • Estrai una molecola specifica da un file alto costo di trattamento,

Al contrario, il lavoro di laboratorio consente:

  • dai alti volumi di produzione,
  • dai costi di produzione relativamente bassi (meno dell'estrazione),
  • Di conseguenza, prezzo di vendita inferiore.

Alla scala della cannabis e dei cannabinoidi, questo implica prodotti CBD creato più velocemente, senza dipendere dal ciclo di crescita relativamente lungo della pianta e dal tempo di estrazione, il tutto a un costo inferiore. In effetti, secondo le varietà, è necessario contare da otto a dodici settimane dal seme alla fioritura. Un piede quindi darà in media Da 400 a 700 grammi di materia prima raccolta : a Quantità aneddotica di CBD da una prospettiva commerciale.

Sulla carta il cannabinoide CBD sintetico sembra quindi più che appetibile, sia per le aziende che possono produrre più quantità, più velocemente, sia per i consumatori che beneficiano di prezzi più interessanti.

Quindi dov'è il problema ? Ce n'è uno in effetti?

cannabis sintetica

Svantaggi del CBD sintetico

Se i cannabinoidi sintetici sono ancora rari tra il grande pubblico, esistono già. Questo è il caso di droghe sintetiche di CBD e THC, soprattutto nelle forme chiamate H2CBD o dronabinol, relativamente vicine al CBD. Relativamente perché sono una specie di ibridi tra CBD e THC, senza però effetti psicoattivi. A differenza del CBD, tuttavia, lo hanno fatto effetti collaterali, particolarmente mal di stomaco e un effetti narcotici piuttosto pesanti.

Come avrai capito, il principale svantaggio dei cannabinoidi sintetici è che sono ancora scarsamente controllati e che quindi sono potenzialmente più dannoso dei cannabinoidi naturali.

Come ti assicuri di non acquistare cannabis sintetica?

La maggior parte delle volte, la cannabis sintetica viene venduta su Internet da rivenditori poco conosciuti che sono riluttanti a comunicare l'esatta composizione dei loro prodotti. Fisicamente, la ricetta è spesso la stessa: sacchetti di metallo dal design accattivante contenenti una miscela di materiali vegetali essiccati. Tutto indica che si tratta di incenso o altro prodotto non destinato al consumo. A volte questi stessi prodotti si trovano sotto forma di poudre (per creare la tua cannabis sintetica a casa) oliquidi per sigaretta elettronica.

Tra i marchi più "conosciuti" troviamo nomi come Spice, K2, Bizarro, Yucatan Fire, Black Mamba o Eclipse. Prodotti da evitare quindi.

Se vuoi goditi gli effetti calmanti della cannabis legalmente e senza paura per la tua salute, la cosa migliore è ovviamente non acquistare cannabinoidi sintetici e rivolgersi ad a azienda specializzata in cannabis naturale, offrendo in vendita solo prodotti legali, realizzati da piante di canapa certificate dall'Unione Europea. Questo è il caso di Weedy.fr i cui team selezionano a mano prodotti derivati ​​dalla cannabis al 100% legali, che non causano né dipendenza né effetti collaterali.

Condividere: