Carrello Articolo cancellato annuler
  • Nessun prodotto nel carrello.
La cannabis Skunk discende direttamente dalle varietà sativa

Modalità di coltivazione della cannabis light: suolo, coltura idroponica, acquaponica

Ora la canapa coltivata può godere dei tanti ambienti per la coltivazione sviluppati dall'uomo, nonostante cresca in piena terra in natura. A seconda delle esigenze, dei mezzi disponibili e dei risultati ricercati, anche la cannabis può crescere nel terreno, fuori terra o nei mini ecosistemi creati dai produttori, come nel caso dell'acquaponica. Tuttavia, non tutti offrono gli stessi vantaggi.

Coltivazione della cannabis light in Francia

La Francia è la seconda maggior produttrice di canapa. Tuttavia, la maggior parte di questa cannabis legale è trasformata per produrre corde, tessuti e paglia per animali. Una piccola parte, che dovrebbe continuare a crescere, è tuttavia dedicata all’estrazione del cannabidiolo : il famoso CBD.

Nel pieno recupero di energia, la coltivazione della canapa rappresenta quindi circa XNUMX ettari di suolo francese, distribuito principalmente tra Champagne-Ardenne, Île de France, Normandia, Borgogna, Manica, Aube e Paesi della Loira.

Mentre la maggior parte di questi XNUMX ettari riguarda i campi all'aperto appartenenti all'agricoltura tradizionale, non è l'unica modalità di coltivazione possibile per la cannabis. Con la progressiva democratizzazione dei prodotti legali di cannabis, la tendenza è di immettere più varietà sul mercato, il più vicino possibile alle varietà di cannabis indica o sativa ben nota sul mercato nero, pur rimanendo perfettamente legale.

Principali modalità di coltivazione della cannabis

Pianta di cannabis sativa legale indoor
Pianta di cannabis sativa legale indoor

Alcuni ambienti di coltivazione di cannabis CBD si prestano meglio alle aspettative dei produttori e dei consumatori nei confronti di queste nuove varietà ricche di CBD. I fattori che spingono a scegliere un ambiente piuttosto che un altro sono numerosi: quantità e qualità della produzione, rispetto dei suoli e della biodiversità, ambiente locale, ecc.

Quindi sorgono diverse opzioni. I principali ambienti di coltivazione della cannabis sono:

  • Terra: coltivazione classica in piena terra o in vaso. : coltivazione classica in piena terra o in vaso.
  • Idroponica : coltivazione fuori terra utilizzando un substrato neutro come la fibra di cocco. : coltivazione fuori terra utilizzando un substrato neutro come la fibra di cocco.
  • Aquaponica: cultura ibrida tra acquacoltura e coltura idroponica, usando i pesci. : cultura ibrida tra acquacoltura e coltura idroponica, usando i pesci.

A seconda del caso, si prestano meglio a coltivazione indoor, outdoor o in serra. Torniamo più in dettaglio su questi diversi ambienti di coltivazione e su cosa possono fare per le piante e il loro ambiente.

Coltivazione classica di cannabis legale, nel terreno

La terra è l'ambiente naturale della cannabis, legale o no, poiché è così che cresce allo stato brado. Grazie all'addomesticamento delle diverse varietà, l'Uomo è stato gradualmente in grado di determinare cosa può portare la pianta a crescere più veloce, ad essere più sana e a produrre di più.

Un terriccio di buona qualità sarà quindi vantaggioso per la pianta, in particolare facilitando l'ossigenazione dei suoli e la sua permeabilità. La qualità della terra contribuisce quindi pienamente all’assunzione dei nutrienti e consente di regolare più facilmente l'assunzione di acqua. La coltivazione di cannabis nel terreno ha quindi il vantaggio della semplicità e della competenza acquisite dai produttori nel corso dei millenni. Richiede anche meno acqua e fertilizzante rispetto alla maggior parte degli altri ambienti.

Infine, la "vita del suolo” contribuisce allo sviluppo della pianta. Gli organismi (batteri, microbi, vermi) che si evolvono naturalmente nella terra forniscono effettivamente fertilità e stabilità alla terra.

Coltivazione di cannabis light in quella idroponica (fibra di cocco)

Le fibre di cocco forniscono un ambiente favorevole alla coltivazione della cannabis light.
Le fibre di cocco forniscono un ambiente favorevole alla coltivazione della cannabis light.

La coltura idroponica è un ambiente che utilizza principalmente il lavoro dell'acqua ("idro" in greco). Si chiama tecnica di coltivazione “fuori terra”. La coltura idroponica era già nota agli Aztechi, tuttavia è stata ampiamente utilizzata solo dagli anni ‘XNUMX. I Paesi Bassi sono stati tra i primi produttori europei a interessarsene, in particolare per compensare la mancanza di sole.

Va detto che l'idroponica presenta molti vantaggi poiché consente di:

  • fare a meno della terra,
  • fornire alle piante solo i nutrienti necessari per una dieta su misura,
  • accelerare la crescita delle piante di cannabis ricche di CBD. accelerare la crescita Piante di cannabis ricche di CBD.

È sufficiente sostituire la terra con un substrato neutro, che può essere la lana di roccia, sfere di argilla, sabbia o pietra vulcanica. In caso di cannabis light, tra le preferite ci sono le fibre di cocco. Le fibre non contengono, a differenza della terra, alcun elemento nutritivo, ma consentono di stabilizzare le piante che lì sviluppano le loro radici. I nutrienti vengono quindi introdotti tramite un sistema di irrigazione, spesso una flebo.

Più costosa da installare, l'idroponica consente comunque di produrre di più, in un periodo di tempo più breve. Privato di alcuni nutrienti naturali, il CBD comunque tende a produrre meno aromi, che si riflette ovviamente nel gusto del prodotto finale.

Coltivazione di cannabis ricca di CBD in acquaponica

trota è uno dei pesci utilizzati dell'acquaponica
trota è uno dei pesci utilizzati dell'acquaponica

Aquaponico è un ambiente di cultura ibrido che consiste nel creare un ecosistema che combina la coltivazione di piante e della piscicoltura. Questa è una tecnica che è sempre più interessante nel moderno mercato della cannabis poiché consente di combinare i vantaggi della coltura idroponica (produzione veloce e abbondante) e cultura del suolo (massimo sviluppo dell'aroma, i terpeni nel caso della cannabis). Alcuni prodotti dell’e-shop Weedy quindi provengono direttamente da piante di cannabis legali di acquaponica.

Ciò è consentito dalla costituzione di un sistema virtuoso dove i rifiuti per qualcuno diventa cibo per altre. Pertanto, i pesci evacuano gli escrementi nell'acqua di un bacino situato al di sotto della piantagione della cannabis ricca di CBD. Questi rifiuti vengono decomposti dai batteri presenti nell'acqua, filtrati dalle radici, quindi assimilati dalla pianta che si nutre dei loro nutrienti (azoto, fosforo e potassio). In cambio di cibo, la pianta pulisce quindi l'acqua del pesce, che a sua volta può prosperare in un ambiente pulito.

Carrello Articolo cancellato annuler
  • Nessun prodotto nel carrello.