CBD per aiutare a combattere la fibromialgia

Alla fine, non si sa molto sulla fibromialgia, se non che provoca un dolore persistente che può diffondersi in tutto il corpo e quindi impedisce a chi ne soffre di vivere una vita normale. Di fronte a trattamenti che si accontentano di calmare il dolore ma a volte pesanti, il CBD si presenta come l'occasione per una soluzione naturale per ripristinare quotidianamente un po' di mobilità e comfort. Feedback sull'interesse di prendere CBD per aiutare a combattere la fibromialgia.

Cos'è la fibromialgia?

fibromialgia dolore al nervo min

La fibromialgia è accompagnata da dolore persistente in tutto il corpo

Si tratta di una domanda delicata, alla quale la stessa comunità scientifica fatica a dare una risposta chiara. Per molto tempo, la fibromialgia è stata solo un dolore in tutto il corpo, senza capirne l'origine. Ciò che turba gli animi e talvolta porta persino certi medici a dubitare della sua esistenza. Ancora poco conosciuto fino ad oggi, ora sembra abbastanza chiaro che la fibromialgia non solo esiste, ma si crede che sia causati o incoraggiati da fattori fisiologici (disfunzione del sistema nervoso, problemi ormonali in particolare), ambientale et genetico.

Qualunque sia la sua origine, i sintomi sono particolarmente problematici per chi ne soffre, con dolore generalizzato e persistente. Letteralmente, fibromialgia significa anche "dolore associato alla fibrosi dei muscoli". Ancora una volta, il termine è oggetto di discussione poiché i dolori non lo sono in senso stretto causata da fibrosi...

Insomma, mentre si discutono i temi della definizione, chi soffre di fibromialgia continua a trovare soluzioni al loro dolore. Ed è tutt'altro che facile!

Trattamenti attuali per la fibromialgia

trattamenti convenzionali della fibromialgia min

I pazienti con fibromialgia non hanno altra scelta che ingoiare antidolorifici

Come per altre patologie che si manifestano principalmente attraverso il dolore, in particolare l'artrosi, la fibromialgia non è ancora guarita. Gli unici trattamenti esistenti quindi non cercano di eliminare la causa, ma semplicemente di lenire il dolore: stiamo parlando di trattamenti sintomatici. Vengono utilizzati diversi tipi di farmaci:

  • Farmaci antinfiammatori non steroidei, in particolare a base di ibuprofene.
  • Antidepressivi: Anche senza depressione, gli antidepressivi possono essere utili. Agiscono in particolare sull'emicrania, sui disturbi digestivi e sull'ansia, tre sintomi regolarmente associati alla fibromialgia.
  • Analgesici, compresa la morfina, riservata alle crisi più gravi.

Sebbene relativamente diversi, questi trattamenti per la fibromialgia hanno alcune cose in comune. Iniziare, calmano solo i dolori, né impedendo la progressione della malattia, né il ritorno del dolore una volta sospeso il trattamento. Poi tutti presentano a rischio di effetti collaterali e quindi non sono sempre ben supportati.

È qui che entra in gioco il CBD. Riconosciuto come antidolorifico e antinfiammatorio, sembra, sulla carta, essere un candidato perfetto per supportare le persone con fibromialgia. Soprattutto perché non presenta nessun noto effetto collaterale, nessun rischio di dipendenza. Due argomenti di cui i trattamenti convenzionali non possono vantarsi.

In che modo il CBD può alleviare i sintomi della fibromialgia?

I effetti del CBD sono sempre meglio conosciuti. Se devono ancora essere condotti ulteriori studi, i primi studi hanno dimostrato che la cannabis medica (dove è autorizzata, e quindi non in Francia) è un binario da sicuro a efficiente [collegamento in inglese] per scavare nella lotta contro la fibromialgia.

Va detto che è particolarmente riconosciuto come un antidolorifico naturale, un antinfiammatorio e rilassante muscolare. Agendo sul nostro sistema endocannabinoide, calma quindi il nostro corpo, ma anche la nostra mente, favorendo relax oltre riduzione dello stress e dell'ansia. Tutte le condizioni sono quindi allineate per aiutare ad alleviare il dolore causato dalla fibromialgia. Come i trattamenti convenzionali, però, non agisce a priori sulla causa, ma sui sintomi.

Non lo è più non riconosciuto come trattamento poiché la cannabis terapeutica non è riconosciuta in Francia. Può comunque essere usato come modo naturale per migliorare il comfort quotidiano.

Attenzione aux interactions médicamenteuses

Ve ne abbiamo parlato di recente in un articolo dettagliato: ci sono interazioni farmacologiche con CBD. Il CBD, tuttavia, non ha effetti collaterali evidenti. Quindi non è qui che sta il problema. In combinazione con alcuni farmaci, tuttavia, può bloccarne gli effetti o al contrario esagerli. Il rischio è quindi quello di limitare i benefici di un trattamento convenzionale o al contrario di amplificarne l'azione e/oi suoi effetti collaterali, che possono avere gravi conseguenze. È il caso in particolare di alcuni analgesici ma anche di antidepressivi, spesso utilizzati nell'ambito della riduzione del dolore associato alla fibromialgia. Se stai pensando di usare il CBD per la fibromialgia, parlane prima con il tuo medico. Solo lui saprà consigliarti.

Quali prodotti CBD sono adatti per la fibromialgia?

CBD fibromialgia olio min oil

L'olio di CBD è un prodotto particolarmente versatile e facile da usare. Corrisponde bene alle esigenze di chi soffre di fibromialgia

Tutti i prodotti CBD possono essere adatti. La scelta è piuttosto fatta in termini di praticità e velocità con cui si manifestano gli effetti.

  • Olio di CBD: sempre a portata di mano, bastano poche gocce sotto la lingua per godersi il relax del CBD.
  • Infusi di canapa: effetti che richiedono più tempo per apparire ma più diffusi, per il massimo relax.
  • CBD inalato: il modo più veloce per sperimentare gli effetti del CBD. È possibile spruzzare fiori o Resina di CBD, o usa un e-liquid CBD se stai svapando.
  • cerotti CBD: I ricercatori australiani hanno sviluppato in particolare cerotti al CBD per il dolore della fibromialgia.

Lo stato dell'attuale mercato del cannabidiolo in Francia e nel resto d'Europa tende a indicare che l'olio di CBD è probabilmente il prodotto derivato dalla cannabis più conveniente ed efficiente per cercare di alleviare la fibromialgia. Egli è anche iluno dei più sani poiché viene assunto per via orale o sublinguale (sotto la lingua), senza rilasciare tossine nocive come potrebbe fare la vaporizzazione.

Dosaggio di CBD per la fibromialgia

Non esiste il perfetto dosaggio singolo di CBD. Questa affermazione è vera in generale, e in particolare nel caso della fibromialgia poiché non abbiamo ancora studi approfonditi sulla questione. Detto questo, alcuni indicatori ci indirizzano verso soluzioni abbastanza adeguate. Per mettere le probabilità a tuo favore, puoi contare sul nostro articolo completo dedicato a calcolo di quantità ideale di CBD per una data persona e situazione. Se scegli di alleviare il dolore causato dalla fibromialgia con l'olio di CBD, il nostro articolo dedicato al prodotto ti dice in particolare come dosare correttamente un olio di CBD.

Criteri per la scelta del giusto dosaggio di olio di CBD per la fibromialgia

Il dosaggio del tuo olio di CBD dipende direttamente dalla scelta del prodotto. Pertanto, devono essere presi in considerazione diversi criteri:

  • Ingredienti: l'olio di CBD contiene solo cannabidiolo o anche altri cannabinoidi (CBG particolarmente) ? Un olio per ampio spettro o completo sfrutta l'effetto entourage e porta potenzialmente a effetti più forti.
  • Qualità : oli estratti con CO2 sono più puliti e consentono di preservare il più possibile le proprietà dei cannabinoidi.
  • Legalità : in Francia come nel resto d'Europa, qualsiasi prodotto contenente cannabidiolo è legale solo se il livello di THC è inferiore allo 0,03%, anche se serve per alleviare dolori come quello causato dalla fibromialgia.

Condividere:

Carrello
  • Nessun prodotto nel carrello.