Coltivazione delle canapa in Francia: situazione e opportunità

Fatto sorprendente quando conosciamo la riluttanza del governo riguardo al consumo di cannabis, la Francia è la secondo produttore mondiale canapa industriale. Molto rigorosamente incorniciato, il coltivazione della canapa in Francia offre comunque eccellente opportunità economiche e promette a molti creazioni di lavoro. E la legislazione esatta? A quali condizioni dovrebbe essere coltivata la canapa sul suolo francese e cosa riserva il futuro, soprattutto con sviluppo del mercato del CBD ? Weedy.fr risponde alle tue domande.

Francia: il secondo produttore mondiale di canapa

Cultura-canapa-France

La coltivazione della canapa in Francia copre circa 8000 ettari di terra

Sebbene estremamente restrittivo prodotti a base di cannabis e il loro consumo, la Francia è comunque il secondo produttore mondiale, dopo la Cina. Va detto che all'esagono piace fare una chiara distinzione tra il canapa industriale e canapa, chiamato anche canapa ricreativa. Tuttavia, al di fuori del loro Contenuto di THC, la molecola psicoattiva della cannabis, nulla distingue queste due piante che appartengono alla stessa specie: le canapa sativa L.

Storicamente molto presente in Francia, la canapa fu coltivata su circa XNUMX ettari nel XIX° secolo, al culmine del suo sfruttamento nazionale. Questa eredità ha lasciato il segno fino ad oggi. La famosa canebière di Marsiglia significa in effetti "piantagione di canapa" in dialetto, una volta il porto di Marsiglia uno dei più grandi produttori di canapa al mondo. Allo stesso modo la carmagnola, una varietà di cannabis italiana, ha dato il nome alla famosa canzone rivoluzionaria.

In pericolo dall'inizio del XX secolo, la cultura della canapa in Francia conosce tuttavia una rinnovata energia. Ora confina con XNUMX ettari, di cui quasi XNUMX in Champagne-Ardenne, la sua principale area di produzione. La canapa è ora presente principalmente all’Île de France, Normandia, Borgogna, nonché in Manche, Aube e Pays-de-la-Loire.

Coltivazione della canapa in Francia, per quali usi?

Le talee di canapa

Ogni parte della canapa francese è destinata a un uso specifico

La canapa francese è destinata esclusivamente ad uso industriale. Ogni parte dell'impianto è utilizzata per scopi specifici, potenzialmente da settori industriali separati. I fiori sono comunque considerati rifiuti industriali e vengono distrutti.

I semi di canapa, chiamato anche seme di canapa, vengono quindi utilizzati così come sono, in particolare infornitura. Premuti, consentono di ottenere a olio naturalmente ricco di omega-3 e omega-6. Lei è ampiamente usato in cucina o come componente di cosmetici.

La parte legnosa della canapa industriale, chiamata anche caprifoglio, ha proprietà in comune con il legno ed è apprezzato per la sua produzione di cellulosa. È usata come protezione per altre piante durante l'inverno (pacciamatura) e funge anche da lettiera per animali. Le fibre staminali sono particolarmente versatili. Si trovano ampiamente nella cartoleria (carta per bibbia e altre carte speciali), nell'edilizia (isolamento) e nell'industria tessile (corde, denim).

Legislazione sulla coltivazione della canapa in Francia

La cultura della canapa in Francia è soggetto a Legislazione europea. Questo stabilisce che una pianta di cannabis sativa L. può essere coltivata e sfruttata commercialmente se la pianta contiene meno dello 0,3% di THC, la sostanza psicoattiva della cannabis. Deve anche appartenere a varietà di canapa elencata e autorizzata dal governo francese, ventiquattro in numero a seguito del decreto del 30 settembre 2019, articolo 1. Il prodotto finito deve infine essere caratterizzato da assenza di THC. Il CBD è quindi autorizzato in Francia.

Verso un'apertura della coltivazione della canapa in Francia?

Secondo i dati pubblicati nel 2017 da un college di produttori e trasformatori di canapa Francese, l'89% del peso (79% del valore economico) della produzione annuale proveniente dalla coltivazione della canapa in Francia è destinato a creazione di paglia. Il restante 11% (21% in valore) costituisce il produzione di semi di canapa.

Apri il settore asfruttamento di CBD rappresenterebbe per il mercato francese opportunità di lavoro e profitto considerevole. Ciò richiederebbe l'autorizzazione della coltivazione di nuove varietà di canapa, selezionati per loro alto contenuto di cannabidiolo e non per la loro massiccia produzione di paglia e granaglie, come è attualmente il caso. Anche la vendita di foglie e fiori di produzione francese non è all'ordine del giorno, presentando a freno di sviluppo totale su il mercato del CBD per i produttori francesi.

L'industria francese è quindi particolarmente monitorata. Durante un viaggio a Creuse nell'aprile XNUMX, il Primo Ministro Édouard Philippe ha comunque promesso di far studiare la domanda dei coltivatori francesi e considera l'autorizzazione della cannabis terapeutica in Francia. Oltre ad aprire nuovi orizzonti per la ricerca medica, questo potrebbe anche avere l'effetto di consentire espansione della coltivazione della canapa in Francia.

Opportunità e limiti di sviluppo grazie al CBD

Canapa-uso-terapeutico

La coltivazione della canapa per uso medico soddisfa condizioni molto rigide

Oggi, il prezzo medio per tonnellata è stimato a € XNUMX per paglia e € XNUMX per semi. Se i prezzi di costo per tonnellata di CBD non sono noti a causa dell'attuale assenza di un mercato, dovrebbero comunque essere uguali o superare le cifre attuali.

Tuttavia, la canapa dice benessere, come potrebbe essere il caso della CBD, non sembra essere oggetto di alcuna preoccupazione da parte del governo francese. Le opportunità per lo sviluppo della coltivazione della canapa in Francia potrebbero quindi essere ampiamente viste limitato solo dalla considerazione di cannabis terapeutica. Quest'ultimo è infatti accompagnato da condizioni di crescita drastiche, spesso accessibile solo a grandi gruppie quindi non avvantaggiare le aziende agricole più piccole.

Una coltura ecologica e responsabile

Oltre ai numerosi benefici citati, sia a livello industriale, medico e di benessere, la canapa è una pianta ecologica perfettamente adattata ai metodi di coltivazione responsabili. È quindi particolarmente economica in acqua, benefica per il suolo e priva di pesticidi.

Come bonus, la canapa è una componente nella creazione di bioplastiche. Leggera e biodegradabile, la plastica creata dalla cellulosa contenuta negli steli della canapa ha un doppio vantaggio competitivo: è più ecologico, ma anche più economico da produrre.

Condividere: