Cos'è il CBGA? Definizione, effetti e opportunità

Forma acida del CBG e origine dei principali cannabinoidi,acido cannabigerolico (CBGA) è ancora relativamente sconosciuto. Scoperta tardiva, difficile da isolare e quindi da studiare, presenta tuttavia caratteristiche interessanti e potenziali benefici per la salute. Weedy.fr seziona per te cos'è CBGA, quello che sappiamo di lui e le zone d'ombra da esplorare per capire meglio la sua effetti sul corpo.

CBGA (acido cannabigerolico): definizione semplice

i tricomi producono cbga min

Il CBGA è un cannabinoide prodotto nei tricomi dei fiori di canapa

Il CBGA è un cannabinoide, insieme al molto popolare CBD e il più criticato rilevabile. Tuttavia, è molto meno presente nella pianta di cannabis, in particolare perchési trasforma più o meno rapidamente in altri cannabinoidi.

Due aspetti legati al CBGA sono particolarmente interessanti:

  • CBGA è spesso indicato come il " cannabinoide genitore". Capisci, è l'origine di altri cannabinoidi e svolge un ruolo diretto nella loro biosintesi. In altre parole, senza CBGA, CBD, THC, CBC e ovviamente il CBG non esisterebbe.
  • Il CBGA ha proprietà interessanti allo stato grezzo. Oltre al suo ruolo attivo nella comparsa di altri cannabinoidi, ha i suoi effetti che descriveremo in dettaglio tra poco.

Da dove viene CBGA e qual è il suo ruolo?

Il CBGA, come altri cannabinoidi, è prodotto da tricomi canapa. Si tratta di piccole vescicole localizzate appiccicose e quasi trasparenti a livello dei fiori e da cui il Resina di CBD. Il ruolo del CBGA è soprattutto quello proteggere la pianta. Pertanto, è in grado di causare la necrosi di alcune cellule per controllare la potatura delle foglie e quindi concentrare l'energia disponibile a livello dei fiori. CBGA è quindi a regolatore naturale contribuendo direttamente al corretto sviluppo di una pianta e alla sopravvivenza della sua varietà.

Per entrare un po' più nel dettaglio, è utile spiegare che la cannabis, attraverso un susseguirsi di reazioni chimiche, è in grado di produrre tutti i tipi di molecole che saranno utili al suo sviluppo in tempi diversi della sua evoluzione.

  1. In primo luogo, i tricomi produconoacido olivico così come geranil-pirofosfato.
  2. Queste molecole vengono gradualmente trasformate in acido cannabigerolico (il CBGA che qui ci interessa).
  3. A contatto con i vari enzimi presenti nella pianta, il CBGA si trasforma a sua volta in THCAin CBDA e in CBCA, le forme acide che daranno rispettivamente THC, CBD e CBC una volta decarbossilazione operato (naturalmente o come risultato di un'azione umana).
  4. Più raramente, una decarbossilazione naturale avviene un po' prima e il CBGA diventa quindi direttamente CBG. Questo fenomeno spiega in parte il minore presenza di CBG nelle diverse varietà di cannabis rispetto a CBD o THC.

Va bene, ma qual è la differenza tra CBG e la sua forma acida, CBGA?

CBGA Vs. CBG: differenze e somiglianze

cbga è solo un passo nell'evoluzione della cannabis min

Il CBGA è solo un passo nell'evoluzione della cannabis

  CBGA CBG
Formula chimica C22H32O4 C21H32O2
O ? In materia vegetale grezza Nella materia vegetale decarbossilata (dai raggi UV o riscaldata artificialmente)
scoperta Nel 1996 da ricercatori giapponesi Nel 1964 da ricercatori israeliani
Effetti sull'uomo Sì, attraverso il sistema endocannabinoide (SEC) Sì, attraverso la SEC
Effetti psicotropi ("ti fa sballare") No No

Il CBGA è il precursore del CBG. Quest'ultimo è quindi a forma avanzata di CBGA, una fase successiva. A parte questa differenza cronologica, c'è soprattutto una differenza molecolare. Chi ricorda qualche lezione di chimica avrà notato che la differenza tra le due molecole è un atomo di carbonio (C) e due atomi di ossigeno (O), cioè CO2 (diossido di carbonio). Questo basta per capire un po' meglio il termine alquanto barbaro di decarbossilazione.

Questa differenza molecolare ha ripercussioni sul ruolo del CBGA nella pianta di cannabis, ma anche, ed è questo che ci interessa particolarmente, a livello di capacità di interagire con i recettori del nostro corpo. Per dirla semplicemente, sebbene vicini, CBGA e CBG non hanno non necessariamente gli stessi effetti.

Effetti del CBGA

cbga può influenzare il metabolismo minimo

Il CBGA avrebbe un'azione sul metabolismo

La letteratura scientifica relativa agli effetti del CBGA è ancora molto scarsa. Già perché l'acido cannabigerolico è stato scoperto relativamente tardi rispetto ai principali cannabinoidi, allora perché lo è estremamente difficile da isolare. Infatti si trasforma rapidamente e per studiarla non solo è impossibile riscaldare la pianta, ma deve anche essere in una fase relativamente precoce (prima della fioritura).

Si studiano tuttavia alcune strade interessanti, ognuna delle quali deve essere valutata attentamente e a fondo prima di trarre conclusioni definitive.

Un'azione sul metabolismo

Una Uno studio del 2019 ha dimostrato che CBGA, come CBG e CBDA, può interagire con i sensori PPAR con la capacità di farlo modulano il metabolismo lipidico. Quando questi sensori non funzionano correttamente, aumenta il rischio di sviluppare malattie come il diabete o livelli troppo elevati di trigliceridi e colesterolo.

Cancro al colon

Secondo uno altro studio, CBGA può svolgere un ruolo nella lotta contro il cancro del colon. Non solo sembra rallentare la moltiplicazione delle cellule tumorali, ma potrebbe anche accelerare la loro morte.

Diabete e malattie cardiovascolari

Diretta conseguenza dell'azione del CBGA sul metabolismo, potrebbe essere utile contro il diabete, in particolare impedendo la produzione dell'enzima che causa lo stress ossidativo e prevenendo così il verificarsi di alcune complicazioni. Limitare lo stress ossidativo permette anche di evitarne alcuni problemi cardiovascolari, che rappresentano anche un percorso di ricerca.

Questi primi studi non sono ancora stati realizzato solo su modelli e/o durante la manipolazione in vitro (di laboratorio). Resta quindi da estenderle, approfondirle e, se giustificato, effettuare studi sull'uomo.

Condividere:

Carrello
  • Nessun prodotto nel carrello.