È pericoloso guidare con CBD?

Si ripete giustamente: Il CBD non ha nulla a che fare con il THC, la sostanza psicoattiva e che crea dipendenza della cannabis che è considerata un narcotico. Se le autorità così come i venditori hanno ormai concordato sul fatto che il cannabidiolo è legale e che è possibile consumarlo liberamente, sorge legittimamente la questione della possibilità di guida sotto CBD.

Quali sono i potenziali rischi sul nostro comportamento? Cosa dice la legge a riguardo? Quali sono le buone abitudini applicare quando sei un utente di CBD e ti metti al volante? Queste sono tutte domande a cui forniamo risposte in questo articolo.

guidare sotto cbd

Quali sono i pericoli della guida dopo aver consumato CBD?

Per prima cosa: il CBD è pericoloso?

Sia chiaro fin dall'inizio: la molecola di CBD non è pericolosa in quanto tale e non provoca nessun effetto collaterale noto. Inoltre non crea dipendenza e non provoca sballo. Il consumo di CBD, qualunque sia la sua forma, non rischia quindi di indurre una simile perdita di controllo o addirittura avvicinarsi all'effetto di una canna.. Durante la guida, non c'è il rischio che le auto intorno a te inizino a girare o deformarsi o qualsiasi sensazione simile.

Tuttavia, il cannabidiolo è rinomato per la sua azione sul nostro organismo, soprattutto grazie alla sua capacità di interagire con il nostro sistema endocannabinoide. Se questi effetti sono generalmente virtuosi, ciò non significa che non abbiano alcuna influenza sul nostro comportamento.

Effetti collaterali del CBD durante la guida: sono pericolosi?

controllo del veicolo cbd min

Difficile dire che hai il controllo al 100% del veicolo mentre guidi sotto CBD

I effetti collaterali del CBD sono pochi, ma esistono. Tra gli effetti ricercati altrove, a profonda sensazione di rilassamento e appagamento è generalmente particolarmente apprezzato. Non per niente è particolarmente consigliato a chi vuole combattere l'insonnia. Ora un sensazione di sonnolenza non si mescola con la guida. Se dormi mentre guidi, corri un rischio significativo di mettere in pericolo la tua salute e quella degli altri.

Rischi della guida con CBD

I rischi di guidare dopo aver consumato CBD sono poco conosciuto e probabilmente raro. Esistono tuttavia e, in caso di dubbio, è meglio astenersi dall'affrontare i effetti del CBD attenzione e riflessi utili per guidare in tutta sicurezza.

Alcuni dei potenziali rischi includono principalmente:

  • sensazione di sonnolenza,
  • nausea che possono interferire con il livello di attenzione prestata alla strada,
  • Bassa pressione sanguigna (grandi dosi di CBD) che possono causare vertigini e stordimento,
  • Bocca secca (a priori senza conseguenze).

A seconda della modalità di consumo scelta, c'è anche il rischio di consumare, anche involontariamente, THC, che potrebbe causare problemi legali. Questo è il caso se decidi di fumare CBD.

Fumare CBD e guidare

Il CBD può essere legale, ma fumarlo è ancora proibito. Se sei sorpreso a fumare CBD in Francia, anche senza guidare, ti stai mettendo nei guai con le forze dell'ordine. Questo problema è tanto più fastidioso quando si guida poiché la cannabis legale può contenere fino allo 0,3% di THC (limite imposto dall'Unione Europea). Tuttavia, la tolleranza di guida è... 0,0%. Fumando fiori di CBD, resina o polline, stai quindi consumando THC. L'importo è così piccolo che gli effetti non si notano. Nessun effetto planante quindi, né rischio di dipendenza da queste dosi omeopatiche. D'altra parte, un test di screening può avere un'opinione molto diversa sulla natura del consumo di cannabidiolo prima della guida. È qui che iniziano i problemi... Vediamo cosa dice esattamente la legge.

Guidare in condizioni di CBD: cosa dice la legge

assicurazione contro gli infortuni cbd min

In caso di incidente stradale, la ricerca di sostanze è molto più frequente. E il CBD?

Come spesso, quando si tratta di capire meglio cosa si può o non si può fare con il cannabidiolo, il quadro giuridico è solo di relativo aiuto. Pertanto, non viene menzionato nulla sull'assunzione di CBD durante la guida. Per deduzione logica, se la guida con CBD non è vietata, è quindi ... consentita. Tuttavia, come accennato poco prima, fumare cannabis, anche legale, è chiaramente proibito. Fumare fiori o resine di CBD prima o durante la guida è quindi pericoloso per la patente e il tuo portafoglio. La combustione porta comunque alla produzione di tossine dannose per la salute. È quindi in tutti i casi meglio rivolgersi ad altri metodi di assunzione, come ad es Oli di CBD o gli infusi di canapa.

Il CBD non è rilevabile con i test della saliva

O più precisamente, è non cercato dai test della saliva. Solo il rilevabile e la sua forma acida, THCA sono. Pertanto, a controllo di polizia il classico non dovrebbe essere un problema per te, anche se fai il test. Inoltre, se un tasso massimo di allo 0,3% di è consentito nell'impianto, il prodotto finito non dovrebbe contenere legalmente THC. Tuttavia, questo non è il caso di tutti i prodotti e semplici tracce di THC può essere sufficiente per fare un test positivo. Se non sei assolutamente sicuro di cosa serva il tuo prodotto THC, allora di nuovo, è meglio evitare di guidare dopo aver consumato CBD.

L'assicurazione auto può rifiutarsi di coprire una controversia a causa del consumo di CBD?

Tecnicamente, l'assunzione di cannabidiolo da sola non può essere sufficiente per farti negare una prestazione assicurativa. Attenzione però ancora una volta ai prodotti che contengono tracce di THC. In caso di test positivo, anche per un importo minimo, e se sei responsabile di un sinistro, la tua compagnia assicurativa potrebbe decidere di ridurre o addirittura annullare tutti i risarcimenti previsti. Nei casi più gravi, può anche decidere di rescindere il contratto di assicurazione auto e file presso Agira (Associazione per la gestione delle informazioni sul rischio assicurativo, che registra in particolare i tuoi sinistri e i tuoi bonus-malus).

Guidare in condizioni di CBD può portare alla perdita della patente?

È importante non rispondere a questa domanda troppo alla lettera e qualificare i rischi connessi. Prima di tutto togliamo subito la suspense:

Guidare in condizioni di CBD, e solo in condizioni di CBD, non è un motivo sufficiente per ritirare la patente di guida!

Ancora e ancora, poiché alcuni prodotti a base di cannabidiolo contengono tracce di THC, tuttavia, è necessario prendere precauzioni. In caso di un controllo di polizia di routine o di un incidente, se il test della saliva, del sangue o delle urine risulta positivo per la cannabis (cioè THC o THC-A), il ritiro della patente di guida è concepibile. In particolare, si applicano le sanzioni previste per la guida in stato di abuso di sostanze stupefacenti:

  • Ritiro di 6 punti sulla patente (su 12 per una patente classica, su 6 e quindi decadenza diretta della patente per giovani conducenti).
  • Multa fino a 4€.
  • Prigione fino a 2 anni.
  • Sospensione della patente fino a 3 anni.

Quali prodotti dovrebbero essere preferiti quando si guida e si consuma CBD?

Per evitare qualsiasi rischio di risultare positivo al THC quando si consumano solo prodotti legali, si consiglia vivamente di farlo favorire prodotti garantiti senza THC. Questo è possibile acquistando i tuoi derivati ​​da un rivenditore serio, riconosciuto sul mercato legale della cannabis, come ad esempio Weedy.Fr. Se sei un pilota, scegli i prodotti a base di isolati di CBD o quelli ad ampio spettro. Questo è particolarmente vero per alcuni oli di CBD, concentrati (crumble, cristalli puri) e, se svapi, alcuni e-liquido. Attenzione ai prodotti grezzi o minimamente lavorati (fiori di CBD, infusi di canapa, resine e pollini) che, sebbene legali, generalmente contengono tracce di THC (<0,3% secondo gli standard europei).

Quanto tempo dopo aver fumato CBD puoi guidare?

Ricordiamocelo ancora una volta per prevenire ogni rischio inutile: fumare CBD, anche se il prodotto è legale, rimane proibito. Quindi la risposta corretta a questa domanda è semplicemente non fumare CBD, anche quando non si guida. Tuttavia, se ciò dovesse accadere, o in caso di consumo totale di cannabidiolo (via sublinguale, infusione o svapo), si raccomanda dispazio fuori prendendo CBD e guidando il più possibile.

In media, il CBD funziona Da 2 a 6 ore. La durata degli effetti dipende ovviamente dalla quantità consumata, ma anche dalla persona (abitudini di consumo, capitale genetico, corpulenza in particolare). Anche la modalità di assunzione contribuisce notevolmente al tempo necessario prima di avvertire i primi effetti e alla durata durante la quale si avvertono.

  • Inalazione (sigaretta elettronica): fine degli effetti dopo in media due ore.
  • Uso orale (CBD alimentare): fino a Da 2 a 3 ore.
  • Percorso sublinguale (olio sotto la lingua): fino a 6 ore.
  • Uso cutaneo: circa un'ora di effetti. Tuttavia, questi sono effetti locali che non dovrebbero impedirti di guidare, nonostante l'uso di cannabidiolo.

Principio di precauzione: meglio non guidare sotto CBD

Quindi, mentre guidare sotto CBD è tecnicamente possibile e persino legale, esistono dei rischi. Alcuni sono legati alla molecola stessa, altri alle conseguenze legali e amministrative che ciò può comportare. il principio di precauzione dovrebbe quindi applicarsi al fine di garantire la tutela della propria salute e di quella degli altri. Si consiglia pertanto di non consumare CBD durante la guida e distanziare le catture. Idealmente, lascia passare gli effetti di picco dell'assunzione di cannabidiolo prima di guidare. Questo periodo di tempo può variare a seconda dell'individuo e della modalità di assunzione, sapendo che l'assunzione per via inalatoria o sublinguale (sotto la lingua) induce effetti più rapidi e di minore durata rispetto alla via orale (capsule o Cibo CBD particolarmente).

Focus su prodotti di qualità, da venditori affidabili, permette anche di sapere l'esatta composizione dei prodotti consumati. Questo è il caso di quelli offerti sul negozio Weedy.fr, sempre accompagnati dai loro certificati di analisi.

Condividere: