Carrello Articolo cancellato annuler
  • Nessun prodotto nel carrello.

Indica o Sativa? Sottospecie di cannabis e loro differenze

È difficile parlarne sottospecie di cannabis con precisione. In effetti, a seconda del periodo, delle culture o persino dei vari studi scientifici che vi sono interessati, le definizioni variano, così come il numero di specie e sottospecie distinte. Dall'inizio del XNUMX ° secolo, la maggior parte delle risorse dell'autorità sembrano concordare sull'esistenza diuna specie comune, diviso in diverse sottospecie. famiglie indica o sativa sono i più conosciuti, ma non i soli. Distingueremmo così 4 sottospecie di cannabis principale, che presentiamo qui in dettaglio.

Una famiglia, diverse sottospecie di cannabis

impianto sativa
Questa pianta Sativa si distingue per le dimensioni e la forma distintiva delle sue foglie

Le principali piante del genere cannabis possono essere raggruppate in un'unica specie: cannabis sativa L. All'interno di questa specie, è quindi possibile distinguere diverse sottospecie. Nel caso della cannabis, questa distinzione viene fatta sulla base di fenotipo : L' caratteristiche fisiche piante.

Le fenotipo si manifesta quindi con specificità visibili, osservabili ad occhio nudo. Si basa sul genotipo piante, riunendo il dati genetici caratterizzando ogni pianta. Concretamente, le diverse sottospecie di cannabis sono determinate principalmente da elementi come il dimensione della pianta, la a forma di foglia o ancoraaspetto fisico dei fiori. Combinate, queste caratteristiche consentono di classificare una pianta nelle corrispondenti sottospecie di cannabis: afghanica, ruderalis, indica o sativa.

Sativa: canapa coltivata

intestazione sativa
I fiori Sativa crescono su piante più alte con foglie lunghe e sottili

Le piante di co canapa coltivata, sono di regioni equatoriali come la Giamaica. Usato per riscaldare, sativa è a pianta alta che raggiunge facilmente diversi metri di altezza (fino a 6 metri) in pochi mesi. Si distingue anche per foglie lunghe e sottili.

Nell'industria, la sativa è particolarmente apprezzata dal forza delle sue fibre, che può essere utilizzato in campi vari come la costruzione, cosmetici o articoli di cancelleria. Le sue fibre formano anche un eccellente materia prima per tessere corde o tessuti.

Se consumato, è noto per il suo effetti psicotropi e alto contenuto di THC naturale. Gli prestiamo quindi effetti euforici, dando al suo consumatore un alta dose di energia. È quindi spesso preferito per a uso diurno perché agisce direttamente sul cervello. Elle motiva, eccita e incoraggia la creatività. il Diesel, la Jack Herer, TheAmnesia e Foschia sono tra le famose varietà sativa.

Attraverso la selezione e la riproduzione di piante a basso contenuto di THC e alta concentrazione di CBD, ci sono adesso piante sativa perfettamente legali in Francia, Belgio, Lussemburgo e nel resto d'Europa. Questi impianti approvati dall'UE sono utilizzati in particolare come canapa industriale o all'origine di prodotti offerti da Weedy.

Indica: canapa indiana

intestazione Indica
I fiori di Indica sono più rotondi e crescono su piante folte

A differenza della sativa, il cannabis indicao canapa indiana viene direttamente da noi Regioni himalayane dell'India settentrionale chi gli ha dato il suo nome. Lungi dall'essere distinto solo dalla sua origine geografica, assume la forma di piante basse e folte, spesso folte. con anche le foglie sono larghe, raramente supera i 3 metri ed è quindi facilmente riconoscibile nel confronto diretto con l'indica. Inoltre lei fiorisce più velocemente ed è generalmente più fertile, il che generalmente lo rende prima scelta di coltivatori amatoriali.

L'indica è alla notte ciò che la sativa è al giorno. Rinomato per la sua pronunciati effetti psicotropi, l'indica agisce principalmente sul corpo. È quindi popolare tra i consumatori che lo desiderano rilassarsi, lenire i loro dolori ou promuovere la fase del sonno. Indica ha anche una reputazione per stimolare l'appetito. Se la sativa provoca un effetto alto, l'indica si distingue al contrario per a sterzare pietra, più noioso, ma anche rilassante. Naturalmente, anche le varietà Indica lo sono più alto nel CBD, un cannabinoide noto per i suoi effetti calmanti.

Northern Lights, Kush, LA Confidential et Puzzola sono alcuni esempi della famosa indica.

Ruderalis: canapa selvatica

La ruderaliso canapa selvatica, non è sempre considerata una sottospecie di cannabis a tutti gli effetti, a differenza di indica e sativa che sono quasi sistematicamente presentate come le due principali famiglie di cannabis. Tuttavia, le differenze fisiche di ruderalis (spontanea) meritano un'attenzione speciale.

Originario dell'Asia orientale, ora si trova in Europa centrale e orientale, dove cresce allo stato sauvage. Va detto che resiste più facilmente climi freddi dei suoi cugini. Considerata un'erbaccia, si adatta facilmente, grazie alla sua piccole dimensioni. Naturalmente a basso contenuto di THC (di solito non più dello 0,5%), ha pochi effetti psicotropi ed è frequente utilizzato nella creazione di ibridi.

Afghanica: canapa afgana

ilafghanicao canapa afgana, è una sottospecie di cannabis e in particolare la canapa indiana cresce principalmente in Afghanistan e Pakistan. Di dimensioni simili al Ruderalis (circa 1,50 metri di altezza), l'Afghanica è al contrario sorso di THC, che gli è valso un ampio utilizzo in produzione di resina. Le sue dimensioni ridotte lo squalificano da quasi tutti gli usi industriali per le sue fibre. Afghanica è quindi sfruttato principalmente per il mercato nero.

Ibridi: creazioni umane

La ibrido sono sottospecie di cannabis creato artificialmente incrociando. Le piantine vengono dapprima selezionate per le loro caratteristiche, quindi riprodotte tra loro per ottenere nuove varietà, riprendendo le specificità così apprezzate dai genitori. Numerosi elementi possono portare alla selezione di un piano specifico: la sua velocità o l'abbondanza della sua fioritura, la sua contenuto di cannabinoidiIl suo bouquet di terpeni (aromi), la sua ricchezza in resina o la sua resistenza alle malattie. Grazie all'ibridazione, è possibile ottenere piante della stessa sottospecie, ma anche associazioni sativa / indica incorporando le caratteristiche delle due famiglie.

Carrello Articolo cancellato annuler
  • Nessun prodotto nel carrello.