CBD e controllo della polizia: quali sono i rischi in caso di test della saliva?

C'è una netta differenza negli effetti causati dalla marijuana ricca di THC e dalla cannabis legale, ricca di CBD e con un livello di THC molto controllato. Colpisce anche la differenza giuridica: il primo è considerato narcotico quando il secondo è tranquillo legale per coltivazione, commercializzazione e consumo.

Dove la differenza è impercettibile è a livello del prodotto fisico: una bustina di erbaccia dimenticato in fondo a una tasca è sempre stato lo stesso aspetto, indipendentemente dal suo contenuto di cannabinoidi.

Come affrontare allora un controllo della polizia quando hai solo CBD e non ha niente di cui vergognarsi? Soprattutto come prendere precauzioni e avvicinarsi con serenità al test della saliva dopo il consumo di CBD ? Questo è il nostro argomento del giorno.

Il CBD è legale, ma cosa succede se ottieni un controllo di polizia?

Il CBD è legale, ma cosa succede se ottieni un controllo di polizia?

Il CBD può essere rilevato in un test della saliva?

Risposta breve: no.

Questo non è un problema tecnico che renderebbe il CBD non rilevabile nel corpo umano, ma semplicemente lo è non ricercato durante i controlli di sicurezza stradale, ricorrendo nella stragrande maggioranza dei casi al test della saliva. Ricorda, in Francia come nel resto d'Europa, Il THC è l'unico cannabinoide considerato narcotico. Il suo tasso negli impianti di canapa industriali gestiti all'interno dell'Unione Europea (UE) è quindi limitato allo 0,3% di THC.

La prima buona notizia è quindi che tutti i prodotti venduti su rinomati siti come Weedy.fr sono perfettamente legale, indipendentemente dal loro contenuto di CBD. Quindi non dovrebbero chiedertelo nessun problema legale. Tuttavia, è bene sapere cosa aspettarsi e prendere alcune precauzioni usuali.

Tuttavia, in termini di sicurezza stradale, è tolleranza zero. In caso di dubbio, o semplicemente di un controllo imprevisto, anche la minima traccia di THC può rendere positivo un test della saliva. Se hai appena consumato un prodotto a spettro completo, comprese anche tracce di THC, quindi corri il rischio di essere risultato positivo… ma non con il CBD! Tuttavia, questo rischio potrebbe presto scomparire, con l'annuncio, nell'autunno del 2020, della stabilizzazione di una prima varietà di cannabis senza alcuna traccia di THC: la Cannabis americana.

Quali sono i rischi di un controllo di polizia in possesso di CBD?

Dato che il CBD è legale, lo hai assolutamente il diritto di acquistarlo e quindi di possedere i prodotti che lo contengono. Questo è vero per il prodotto non elaborato (Infiorescenze di CBD et gli infusi di canapa), semplicemente estratti (polline, cera e cristalli), ma anche quelli in cui viene utilizzato come ingrediente tra gli altri (cosmetici, integratori alimentari). Tuttavia, è molto più facile provare la composizione di un tubo di Crema al CBD su cui è scritto l'elenco degli ingredienti e il contenuto di cannabinoidi che spiegare che questo sacchetto di gemme senza etichetta non contiene alcuna sostanza illegale ...

In caso di dubbio, ci sono buone probabilità che la polizia o la dogana richiedano di sottoporsi a un test della saliva (potenzialmente seguito da un esame del sangue) e confiscare la merce fino a prova che non contiene sostanze illegali. Il rischio è quindi minore, ma fastidioso e richiede tempo sufficiente per non prenderlo.

Se ti muovi con i tuoi prodotti CBDquindi conservare con sé la confezione e le istruzioni per l'uso.

Controllo della polizia dopo aver usato la cannabis CBD

Fumare cannabis, anche legale, rimane vietato in Francia

Fumare cannabis, anche legale, rimane vietato in Francia

Il consumo è un caso leggermente diverso poiché il modo in cui lo prendi può cambiare il corso del tuo controllo di routine. Infatti, sebbene alcune varietà di cannabis siano considerate legali a causa del loro basso contenuto di THC, i loro fiori non lo sono non destinato ad essere fumato. Tecnicamente, quindi, puoi assolutamente possedere fiori di CBD, ma non puoi fumarli come uno spinello, soprattutto non in pubblico!

Se, d'altra parte, hai preso olio di CBD o infuso rilassante, non dovresti avere problemi. Tieni presente, tuttavia, che anche se il CBD non causa nessun effetto in bilico e procura effetti collaterali noto, colpisce il tuo corpo e può quindi alterare leggermente il tuo comportamento. Si consiglia quindi vivamente di farlo non mettersi al volante subito dopo il consumo !

In caso di controllo in possesso o in seguito al consumo di cannabis, e in caso di dubbio sulla natura dei prodotti interessati, le autorità decideranno sicuramente di farti testare, che dovrebbe essere sufficiente per esonerarti agli occhi della legge.

Quali test di screening della cannabis per quali rischi?

Il modo in cui viene utilizzata la cannabis leggera e il tipo di prodotto possono influenzare il corso di un test

Il modo in cui viene consumato il CBD e il tipo di prodotto possono influenzare il corso di un test.

Buone notizie : solo THC e THCA sono ricercati nei test di screening, qualunque essi siano ! Se il tuo prodotto contiene solo cannabidiolo, puoi stare tranquillo mentre aspetti i risultati. Tieni presente, però, che il livello massimo di THC autorizzato riguarda la pianta e non il prodotto commercializzato! Controlla sempre la composizione dei tuoi prodotti prima dell'usoe assicurati di eseguire un file rivenditore serio, tale Weedy. Fr.

Test del CBD e della saliva

Semplice e veloce, il test della saliva è il più comunemente eseguito nell'ambito dei controlli di sicurezza stradale. Non rileva il THC fino a poche ore dopo il consumo. In media, Da 4 a 6 ore dovrebbe essere sufficiente per ottenere un test della saliva negativo. Il consumo ravvicinato di più articolazioni può, tuttavia, allungare notevolmente questo tempo., e le durate qui indicate come altrove sul web sono solo indicative e quindi da non prendere alla lettera: non offrono alcuna garanzia.

Fai anche attenzione se vuoi ottenere un file autotest della saliva per non correre rischi (per te come gli altri) e per avere la massima tranquillità. Molti di loro cercano solo il THCA, che è presente in quantità molto piccole nella saliva poiché la combustione porta alla sua trasformazione in THC. Molti autotest possono quindi risultare negativi mentre un test della saliva della polizia potrebbe, allo stesso tempo, essere positivo.

Quindi non devi preoccuparti Valigetta per test della saliva con CBD.

Urina, sangue: altri esami di screening

Il CBD rimane attivo per diverse ore sul corpo

Le tracce di CBD nel sangue durano diversi giorni

  • Test delle urine: permette di risalire molto indietro nel tempo (fino a due mesi), ma solo raramente viene praticato per un semplice controllo di routine.
  • Analisi del sangue: generalmente conferma i test salivari con maggiore precisione.
  • Test dei capelli: forse il più preciso e quello che ci permette di tornare più indietro nel tempo. Tuttavia, c'è poco rischio di doverne passare uno se hai la confezione del tuo Prodotto CBD.

Test della saliva e CBD: consigli per rimanere negativi

Scegli gli estratti di CBD rispetto ai prodotti crudi

Anche legale, un fiore di CBD contiene sempre una certa quantità, anche minima, di THC. Il tasso legale è stato a lungo dello 0,3% all'interno dell'Unione Europea. È poco, ma non è niente. Se hai appena consumato la tua cannabis legale e sei stato testato, c'è il rischio che il test della saliva si riveli positivo. Invece di usare fiori, polline o resina, preferire invece l'olio di CBD o altri prodotti per i quali è possibile garantire l'assenza di THC.

Evita di guidare dopo aver consumato CBD

La maggior parte dei test di routine vengono eseguiti nell'ambito della sicurezza stradale. Se preferisci i fiori ad olio, puoi quindi ridurre notevolmente il rischio di un test della saliva distanziando il consumo di cannabis CBD e guidando il più possibile. Anche se guida sotto CBD non è vietato, si raccomanda inoltre di prendere precauzioni per evitare ogni rischio di sonnolenza durante la guida.

Conserva le ricevute

Non fraintendermi, non stiamo dicendo che una ricevuta in fondo alla tasca ti aiuti a superare un test della saliva. Tuttavia, lo abbiamo menzionato all'inizio dell'articolo, il cannabidiolo e la marijuana non può essere distinta ad occhio nudo. La prova d'acquisto ti aiuterà dimostra la tua buona fede in caso di controllo.

Se, nonostante tutti questi consigli, il tuo test della saliva risulta positivo, sono possibili due opzioni: hai effettivamente consumato cannabis contenente THC (volontariamente o meno) o sei uno degli sfortunati che si imbatte in un falso positivo. Per sicurezza, le forze dell'ordine confermano sistematicamente un test positivo con un esame del sangue, o anche con un esame delle urine.

Test delle urine: quando è il rischio e quali sono i rischi quando si consuma CBD?

A differenza del test della saliva che è il più comune e può essere eseguito in modo casuale durante un controllo di sicurezza stradale di routine, il test delle urine per la cannabis è molto meno comune. Va detto che permette di tornare indietro di diversi giorni: fino a una settimana per un consumatore medio, diverse settimane o più per i consumatori pesanti. Tuttavia, se il consumo è così vecchio, non rappresenta più un pericolo per gli altri poiché gli effetti dei cannabinoidi vengono quindi dissipati. Come logica conseguenza, non interessa più l'ufficiale di polizia che effettua il suo controllo di routine per evitare incidenti stradali.

Il test delle urine è quindi per lo più solo considerata in un quadro medico-legale, come un incidente stradale, sospetto di consumo di droga o anche in ambito professionale, nel qual caso la medicina del lavoro può farvi ricorso. Va inoltre ricordato che un test delle urine per il consumo di cannabis, come il test della saliva, THC (e THCA) come marker.

Quindi, se consumi solo cannabis CBD legale, non solo hai poco rischio di dover fare un esame delle urine, ma in aggiunta, se il livello di THC è strettamente controllato (dovrebbe esserlo), il risultato dovrebbe essere negativo.

Per quanto tempo il CBD rimane rilevabile?

Le cifre presentate dagli esperti del settore della cannabis variano. Va detto che non tutti reagiscono allo stesso modo a diversi cannabinoidi, la cui potenza può variare a seconda di criteri diversi come la corporatura, l'affaticamento, il sesso o la salute generale. . Tuttavia, sembra sicuro affermarlo la molecola di cannabidiolo è rintracciabile diversi giorni dopo il consumo. Per quanto riguarda gli effetti, ovviamente sono più brevi e duraturi al massimo poche ore (da due a otto a seconda dell'individuo e della quantità ingerita).

E la cannabis del mercato nero?

Nel caso di un file giunto contenente THC, le conclusioni sono abbastanza diverse. Gli effetti durerebbero quindi in media 8 ore in un consumatore regolare di cannabis, ma fino alle 13 con un consumatore occasionale. Eppure, cinque ore dopo aver consumato cannabis, da solo uno su due piloti risultato positivo al test della saliva! Il Il THC quindi rimane nel corpo relativamente lungo, ma le sue tracce non sono rilevabili da tutti i test.

Possesso e consumo di cannabis THC: un promemoria della legge

Comunque, terminiamo ricordando i rischi in caso di controllo in possesso o in pieno consumo di marijuana. In Francia, infatti, la cannabis THC è ancora generalmente molto mal percepita e ampiamente penalizzata, mentre la maggior parte degli altri paesi europei mostra una certa tolleranza, anche se molti non hanno ancora cambiato le proprie leggi. Un paradosso quando lo sappiamo i francesi si stanno affermando a livello europeo come i maggiori consumatori di cannabis THC. Non meno di 45% degli adulti l'hanno già consumato, e qui si parla della versione illegale.

Il THC, il principale cannabinoide presente nella marijuana, è quindi considerato un narcotico e l'uso di droghe è un crimine, generalmente condannato aun bene. Presentata dal premier Jean Castex nel luglio 2020 e applicata dal settembre dello stesso anno, la sanzione attuale ammonta a 200 euro e ha beneficiato di un'estensione dei poteri della polizia municipale. Può quindi essere dato indifferentemente da un poliziotto o da un gendarme.

Pagato entro 15 giorni dal reato, è ridotto a 150 euro. D'altra parte, viene aumentato a 450 € oltre i 10 giorni. In caso di mancato pagamento, è il tribunale penale che è responsabile della gestione del caso, per a pena massima di un anno di reclusione e una multa di 3750 euro. Cifre importanti, soprattutto considerando che parliamo solo di uso personale (meno di 100 grammi) e quello La cannabis THC è qui contenuta nella stessa barca di qualsiasi altra sostanza… E quindi quante droghe potenti quanto la cocaina!

Test di sicurezza stradale

Fumare durante la guida è rischioso, anche con un prodotto legale

Fumare durante la guida è rischioso, anche con un prodotto legale

Se fai un test della saliva per la sicurezza stradale e risulta positivo al THC, perdi automaticamente sei punti sulla patente di guida. E se guidi accompagnato? È la tua guida che vede sparire davanti ai suoi occhi metà della sua patente. Abbastanza per essere privato almeno di gite e vacanze per poche generazioni!

Oltre a questa formalità amministrativa, la legge prevede sanzioni aggiuntive, a seconda della gravità del reato:

  • due anni di carcere e una multa di 4500 euro, soprattutto se rifiuti il ​​test (la pena detentiva e la multa sono aumentate in caso di consumo di alcol e / o coinvolgimento in un incidente),
  • Sospensione o annullamento della patente di guida,
  • Obbligo di partecipare a a formazione alla consapevolezza sicurezza stradale o uso di stupefacenti.

Per concludere: consumare CBD e comportarsi in modo responsabile

Guidando, non fraintendetemi, qui stiamo parlando di comportamento e non di come girare la ruota. In caso di consumo di cannabis, qualunque esso sia, è infatti preferibile e fortemente consigliato non prendere la ruota subito dopo averla presa.

Tra i rischi di non conoscere l'esatta composizione di un prodotto derivato dalla canapa, potenziali tracce di THC rilevate dai test e semplicemente il desiderio di evitare malintesi con la polizia che potrebbe non crederlo le tue teste sono legali al 100%, solo meglio evitando di consumare CBD appena prima di guidare. Inutile dire che al volante l'unica cosa su cui dobbiamo concentrarci è la guida. Consuma CBD ciondolo la guida è quindi altrettanto sconsigliabile.

Prenditi cura di te stesso e degli altri e, quando non sei al volante, goditi un momento di intenso relax grazie al gli infusi di canapa e altri prodotti rilassanti della boutique Weedy.Fr!

Condividere: