Come scegliere lo svapo CBD giusto? [GUIDA]

Immagine Titolo Home Valutazione Prezzo Carrello

Vape Kit CBD: 5 gusti tra cui scegliere

Contenuto del kit di vaporizzazione CBD Weedy.fr Il kit di

A partire da 39.90

Estetica, pratica, meno dannosa per la salute, il vaporizzatore CBD è ora in quasi tutte le tasche! Tuttavia, sia che tu non abbia mai svapato cannabis CBD, sia nuovo del prodotto o desideri smettere di fumare sigarette normali, è probabile che non avrai familiarità con il funzionamento di questo piccolo dispositivo.

Attraverso questa guida completa, il team di Weedy.fr spiega come scegliere il tuo vaporizzatore CBD. In pochi minuti, nessun altro criterio di selezione avrà segreti per te. Come bonus, ti diamo alcuni consigli per goderti a lungo il tuo svapo, in particolare scegliendo quelli giusti. liquidi elettronici al CBD e mantenere la tua attrezzatura correttamente.

Criteri per scegliere lo svapo CBD giusto

Svapo di CBD

Non tutti i vaporizzatori sono adatti al CBD

L'acquisto del tuo primo vaporizzatore CBD può creare confusione. Fortunatamente, alla fine ci sono pochi criteri da considerare per fare una buona scelta:

  • potere di svapo (in Watt)
  • Resistenza (in Ohm)
  • Dimensioni del serbatoio (in ml)
  • Opzioni (modalità di svapo, capacità del serbatoio, possibilità di regolare lo svapo tramite smartphone)

Come opzione, puoi anche decidere di optare per un modello che ne accetta diversi tipi di derivati. Esistono infatti dei kit in cui è prevista una seconda camera. Oltre agli e-liquid, questi vaporizzatori possono ricevere anche materia vegetale secca e quindi fiori di CBD. In questo caso, è necessario considerare anche il tipo di riscaldamento (conduzione, convezione o ibrida).

Potenza dello svapo e resistenza: fai la scelta giusta

Se dovessi ricordare un solo criterio per scegliere bene il tuo svapo CBD, sarebbe senza dubbio quello della potenza dello svapo, che è direttamente legato a quello della resistenza.

La buona notizia è che le CBD non necessita di alte temperature. Al contrario, è meglio andare piano per sfruttarlo al meglio proprietà lenitive. Quindi non c'è bisogno di optare per uno svapo top di gamma e rovinarsi!

In genere, un vaporizzatore CBD a basso wattaggio (meno di 20 Watt) e con una buona resistenza è l'ideale. Se ti piacciono i vaporizzatori stretti, che producono poco fumo (in realtà vapore), scegli una resistenza abbastanza alta (> 1 Ohm).

È anche possibile optare per una bassa resistenza (circa 0,6 ohm) per creare grandi nuvole di vapore, ma non godrai tanto degli effetti del tuo e-liquid CBD. Se esiti, è ancora più semplice: scegli a Vaporizzatore CBD a potenza variabile che ti darà più flessibilità.

come vaporizzare correttamente il CBD?

Modelli di vapers da evitare durante lo svapo di CBD

Il surriscaldamento del cannabidiolo è il modo migliore per farloalterarne le proprietà. In generale, quindi, è sconsigliato per un primo acquisto optare per un sigaretta elettronica chiamata esperto che generalmente offre troppa potenza di svapo e una resistenza troppo bassa. Nei modelli a basso costo, è piuttosto il vaporizzatori ad inalazione diretta che dovrebbe farti meravigliare.

Anche in questo caso, la loro potenza di svapo è spesso troppo elevata, oltre ad essere talvolta accompagnata da perdite di e-liquid.

Qualunque sia la tua scelta di vaporizzatore CBD, assicurati di poterlo fare svapo a bassa potenza. Si consiglia anche dievitare grandi serbatoi (>2mL), sempre con l'obiettivo di evitare di alterare le proprietà del CBD. Infatti si conserva sempre meglio nella sua bottiglia originale.

Qual è la temperatura ideale per svapare il CBD?

La temperatura ideale per il CBD si girerebbe circa 170 gradi Celsius. Tuttavia, in pratica dipende dal prodotto derivato che scegli! Il Infiorescenze di CBD sono quelli che richiedono il minimo calore per diffondere i loro effetti (160 ° C).

resine richiedono qualche grado in più e le piante si concentrano ancora di più, a seconda della loro natura. Gli e-liquid CBD sono ideali per lo svapo intorno ai 170/180°C. Questo è il motivo per cui la maggior parte dei vapers te lo consente regolare la temperatura sul valore di vostra scelta o su temperature pre-programmate.

È anche importante notare che il terpeni e flavonoidi, responsabili degli aromi, sono molto volatili e attivare a basse temperature. Puoi divertirti da 120/140 ° C, a seconda delle molecole. Oltre a ciò, iniziano a degradarsi. Superiore a 180/200 ° C, i terpeni iniziano a scomparire. Idealmente limitarsi a 220°C, con il rischio di non poter più godere dei profumi e degli effetti naturali della pianta.

Riscaldamento per conduzione, convezione o ibrido: scegliere il giusto vaporizzatore CBD

il tipo di CBD vaper influenza l'esperienza e la qualità di svapo

Il tipo di vaporizzatore influenza l'esperienza e la qualità dello svapo

A differenza del vaporizzatore CBD, il vaporizzatore consente l'uso di materia vegetale secca e quindi fiori di CBD. Per scegliere il giusto vaporizzatore CBD portatile, devi prima conoscere le differenze tra i tipi di riscaldatori.

Vaporizzatore per riscaldamento a conduzione

Le riscaldamento a conduzione è senza dubbio il sistema più semplice poiché la materia vegetale è posta al contatto diretto con la fonte di calore. È, in un modo molto banale, un po 'come mettere in padella la tua erba.

Per questo tipo di vaporizzatore è quindi migliore macina finemente la tua erbaAllora riempire completamente la stanza. Avrai così più materiale a contatto con le pareti, fonte di calore del vaporizzatore.

Vaporizzatore riscaldato a convezione

A differenza della conduzione, convezione riscalda il tuo Fiori di CBD utilizzando un flusso d'aria calda. In questo caso, la fonte di calore riscalda prima l'aria, che a sua volta passerà attraverso la camera e quindi riscaldare l'erba.

Un po' come un forno. In questo caso, non devi macinare la tua materia prima così finemente. Non è nemmeno consigliato, per evitare di inalare gli elementi più fini (e quindi volatili), ma anche per intasare il vaporizzatore. Puoi anche utilizzare meno materialee così favorire il movimento dell'aria all'interno del dispositivo.

Vaporizzatore ibrido

Non sorprende che il vaporizzatore a riscaldamento ibrido utilizzi sia il riscaldamento a conduzione che il riscaldamento a convezione. A metà, di solito lo consente godere di aromi più equilibrati che in un vaporizzatore a conduzione che non si riscalda in modo uniforme, pur essendo più facile da usare e che consuma meno batteria rispetto alla maggior parte dei modelli di convezione.

Svapare CBD: pericolo o opportunità?

vaporizzare produce vapore minimo

Un vaporizzatore produce vapore, molto meno aggressivo del fumo

Uno svapo di CBD non brucia il materiale, ma lo riscalda. Non produce quindi fumo, ma un vapore aromatizzato carico di principi attivi (cannabinoidi in particolare). È questo vapore, molto più morbido del fumo, che viene inalato dal vaper.

Lo svapo quindi produce molto meno tossine ed elimina o riduce significativamente la maggior parte dei rischi legati alle sigarette e alle articolazioni. Dimentica le 150 tossine rilevabili nel fumo, il vapore ne contiene infinitamente meno (non più di tre secondo alcuni studi).

I suoi effetti sono anche più marcati poiché il vaporizzatore CBD permette di inalare una maggiore quantità di cannabinoidi, per una quantità equivalente di prodotto. Si stima quindi che un vaporizzatore CBD lo consenta sfruttare il 95% della quantità disponibile in stabilimento, contro solo il 25% per la stessa varietà affumicata come spinello.

I pericoli dello svapo CBD sono quindi minori... ma non inesistenti. In breve, se non fumi, non svapare ! Se fumi tabacco o cannabis, lo svapo di CBD può comunque essere un'alternativa efficace per ridurre o interrompere il consumo.

Svapo Vs. Fumo: il bilancio

 

fumer

vapoter

Temperatura massima

Fino a 900°C

In media da 160 a 220 °C

Gestione della temperatura

fisso

Controllabile

Cannabinoidi inalati

25%

95%

Importo necessario (con effetti simili)

3-4 volte maggiore times

3-4 volte di meno

Numero di composti non cannabinoidi (tossine)

Informazioni su 150

3

Velocità di assimilazione

Rapido

Rapido

aromi

Alterato

Meglio conservato

effetti

Marchese

Uguale quantità, più marcato

Terpeni:

Bruciato

Conservato

odeur

Intenso e persistente

Morbido e non bagna i vestiti

Suggerimenti per goderti a lungo il tuo svapo di CBD

Manutenzione dello svapo di CBD

Senza manutenzione, uno svapo di CBD si intasa e rischia di rompersi.

Come scegliere il tuo e-liquid CBD?

Se hai optato per un vaporizzatore, tutto ciò che devi fare è testarne diverse varietà Fiori di CBD per scoprire i tuoi preferiti. Con una sigaretta elettronica, invece, devi scegli il tuo E-liquid di CBD. Alcuni criteri ti consentono di determinare facilmente e rapidamente se un e-liquid CBD vale la pena pagare qualche decina di euro per provarlo.

  1. larghezza dello spettro: a differenza di un isolato di CBD, un e-liquid con spettro completo o wide ti permette di sfruttare altri cannabinoidi (CBN et CBG esempio), aromi naturali di cannabis e offre effetti più marcati.
  2. estrazione pulita: un'estrazione di CO2è da preferire.
  3. Elenco degli ingredienti limitato: gli e-liquid contengono generalmente glicerina vegetale (VG) e glicole propilenico (PG). Questi due ingredienti insieme al CBD e ad altri cannabinoidi sono più che sufficienti! La glicerina vegetale vaporizza a una temperatura più bassa quindi preferire rapporti che si appoggiano a suo favore (70 / 30 ou 80 / 20).
  4. tracciabilità: un venditore serio di CBD è in grado di rintracciare i propri prodotti. Devi quindi essere in grado di identificare l'origine dei tuoi e-liquid, il luogo di coltivazione del CBD e di consultare i risultati delle analisi che dimostrano la composizione del prodotto. Questa è un'importante garanzia di qualità e legalità.
  5. Concentrazione : ultimo elemento, ma oh così importante! Per vaporizzazioni regolari o lunghe, preferire un dosaggio basso (<10 mg/mL). Se stai cercando effetti più marcati e una volta che conosci il prodotto e i suoi effetti, potresti preferire un dosaggio medio (da 10 a 30 mg/mL). Infine, per effetti molto marcati e per brevi sessioni di svapo, ci sono e-liquid CBD ad alto dosaggio (>30 mg/mL).

Come svapare un e-liquid CBD?

Prima del tuo primo svapo, assicurati di farlo leggere il manuale utente del tuo vaporizzatore CBD. Nonostante il suo funzionamento sia relativamente semplice, è sempre bene conoscere le specifiche del proprio dispositivo (diverse modalità e temperature disponibili in particolare). Una volta scelto il tuo vaporizzatore CBD, ti consigliamo di farlo caricare completamente prima del primo utilizzo.

La procedura è quindi generalmente la stessa:

  1. Inserisci una cartuccia di e-liquid nell'atomizzatore (cartuccia preriempita) o riempire il serbatoio (cartuccia ricaricabile).
  2. Illuminare Sigaretta elettronica.
  3. Scegli modalità e temperatura desiderato allora lascia che si scaldi.
  4. Inalatore. A differenza di una sigaretta tradizionale, l'uso di un vaporizzatore comporta l'inalazione lenta di lunghi tiri. Fai una pausa ogni 4/5 tiri per riposare la gola.
  5. Tieni il vapore in bocca per 3-5 secondi. Ciò consente alle mucose della bocca di iniziare ad assorbire il CBD anche prima che il vapore raggiunga il sistema respiratorio.
  6. Inspira il vapore, quindi espiralo lentamente attraverso il naso o attraverso la bocca.
  7. Una volta terminata la sessione di svapo, spegnere la sigaretta elettronica.

sigaretta elettronica e cbd

Come pulire il tuo vaporizzatore CBD?

Mantenere il tuo vaporizzatore CBD è semplice. Segui sempre le raccomandazioni indicate nelle istruzioni per l'uso della tua sigaretta elettronica o del tuo vaporizzatore di sostanza secca. Se non viene indicato nulla, pulire almeno regolarmente il bocchino (L' punta a goccia). Generalmente è possibile sganciarlo e può farlo completamente pulire con detersivo per piatti. Basta asciugarlo prima di rimetterlo e il gioco è fatto!

Di tanto in tanto (almeno una volta al mese), pulisci il resto dello svapo. Se si smonta, è facile! Devi solo pulire gli elementi separatamente. Con un vaporizzatore CBD in un unico pezzo, non immergerlo in acqua, la resistenza ha buone probabilità di esaurirsi. In questo caso, pulirlo correttamente con a panno asciutto e portalo in a caso piuttosto che in tasca o sul fondo di una borsa.

Per sfruttare al meglio le tue sessioni di svapo, non dimenticare di accompagnare la manutenzione del tuo vaporizzatore con un buona conservazione del tuo CBD. Per evitare di danneggiare i cannabinoidi e goderne a lungo gli effetti, è meglio conservarli lontano dalla luce diretta e calore eccessivo. Un luogo fresco (non freddo) e buio è quindi l'ideale.

Condividere: