Carrello Articolo cancellato annuler
  • Nessun prodotto nel carrello.

Canapa e suoi diversi usi: quali differenze con la cannabis?

canapa è una pianta che è tornata di moda grazie a molteplici usi e una cultura molto economica ed ecologica. Tuttavia, questa pianta soffre della cattiva reputazione della sua sorellina, la cannabis. Allora, quali sono le differenze tra la cannabis THC e l'uso della canapa CBD?

Che cos'è la canapa?

Canapa CBD

canapa è una pianta coltivata appartenente alla famiglia delle Cannabaceae. A volte chiamato "semi di canapa", la canapa è una cosiddetta pianta annuale, vale a dire che dura solo un anno tra la germinazione e la produzione di semi e che vive tra i quattro e i cinque mesi. Le grandi dimensioni di queste canne lo rendono un ortaggio popolare in molti settori e questo dal Neolitico. È la pianta multiuso grazie ai suoi semi e fibre. È anche una pianta molto resistente ai pericoli e alle malattie climatiche. Richiede poca energia e acqua, il che è un vantaggio dal punto di vista ecologico. È anche una pianta molto efficace per preparare il terreno per altre colture: soffoca le erbe infestanti, igienizza e aera il suolo grazie alle sue radici profonde.

Oggi la canapa è riconosciuta come la pianta per tutti gli usi et questo settore sostenibile crea posti di lavoro. La canapa viene quindi utilizzata per la fabbricazione di tessuti e corde, l'industria cosmetica, la produzione di olio, l'edilizia, la cartoleria, l'alimentazione degli animali.

È una pianta che viene anche consumata nel cibo umano sotto forma di olio o semi. Questi prodotti sono apprezzati i loro numerosi benefici nutrizionali. Ricchi di minerali, vitamine e fibre, sono eccellenti per la salute delle arterie e per abbassare i livelli di colesterolo. È anche una pianta molto popolare nel settore cosmetico grazie a le sue proprietà idratanti e lenitive.

Canapa e cannabis: che differenza?

La canapa è spesso confusa con la cannabis. Tuttavia, la canapa ha un basso contenuto di THC. I botanici e gli industriali fanno anche una distinzione tra canapa come fibra vegetale e cannabis, che designa la sostanza psicotropa.. Le norme sull'uso della canapa della cannabis risalgono al 1961 ° secolo. Nel XNUMX, le Nazioni Unite (ONU) istituirono la "Convenzione unica sulla droga narcotica" che sarebbe stata la prima di una lunga serie a vietare l'uso della cannabis.

La differenza tra il termine "canapa" e "cannabis" deriva quindi dal contenuto di THC (delta-tetraidrocannabinolo) e CBD (cannabidiolo). Una pianta con un'alta concentrazione di THC, una potente droga psicotropa, sarà chiamata "cannabis". La pianta che contiene un alto livello di CBD si chiamerà "canapa".

canapa

La cannabis, nota anche come canapa indiana, è originaria dell'Asia centrale. È una pianta coltivata nelle regioni tropicali. La cannabis è quindi conosciuta con oltre 350 nomi diversi in tutto il mondo. Lo è anche uno dei farmaci più usati sulla superficie del globo. Secondo le Nazioni Unite, oltre il 20% della popolazione europea adulta ha già usato la cannabis durante la sua vita. Il consumo di cannabis, sia che venga fumato, inalato o iniettato, sembra completamente e sempre più disinibito, nonostante legislazione molto severa.

Cannabis THC

Pertanto, la grande differenza tra ciò che viene chiamato "canapa" e ciò che viene comunemente chiamato "cannabis", ma anche "marijuana", "hashish" o "erba", deriva dal contenuto di THC. Il THC è la sostanza responsabile degli effetti psicotropi della cannabis.

Questa sostanza è stata isolata nel 1964 e i suoi effetti sul cervello sono rapidamente aggiornati: modifica del ritmo cerebrale, modifica dell'attività neuronale, azione sulla psiche, cambiamento comportamentale. Ci vogliono tra le 26 e le 36 ore per rimuovere la sostanza dal nostro corpo, ma alcune tracce sono rilevabili fino a un mese dopo il consumo. Gli effetti negativi del THC sono innegabili e possono essere gravi : memoria, coordinazione, disturbo del ragionamento, tachicardia. In dosi elevate o con consumo regolare, Il THC provoca la morte dei neuroni. Allo stesso modo, il THC provoca la secrezione dell'ormone del benessere dopamina, che porta gradualmente alla dipendenza e alla dipendenza.

La cannabis contiene anche diversi componenti volatili, responsabili di il suo odore tipico e facilmente riconoscibile : monoterpeni e sesquiterpeni. Questi sono i componenti che i cani poliziotti sono addestrati a riconoscere smantellare il traffico e svuotare i consumatori.

Oggi diverse compagnie di sementi selezionano geneticamente le piante di canapa per ridurre al minimo il loro contenuto di THC, preferendo piante ricche di un'altra molecola: il CBD.

Canapa e CBD

Un'altra sostanza nell'uso della canapa è il CBD o il cannabidiolo. Questa molecola è la stessa se parliamo di canapa (la pianta) o di cannabis (la pianta usata come droga).

Il grande differenza con THC, è che il CBD non è psicoattivo. Al contrario, agisce contro il THC e i suoi effetti. Questa sostanza che avrebbe effetti benefici sulla salute, a differenza del THC, è noto da migliaia di anni in diversi paesi: effetti anti-infiammatori, effetti rilassanti e lenitivi, aiuti per il sonno e molti altri. Per saperne di più, puoi leggere il nostro articolo sul CBD e i suoi benefici.

Il CBD è naturale al 100% e si trova naturalmente nella canapa, più particolarmente nella resina viscosa. Con il CBD, non vi è alcun rischio di essere "lapidati" o di avere problemi con la legge. La canapa CBD contiene solo lo 0,3% di THC, il limite stabilito dalla legge francese. Tutti i nostri prodotti nell'e-shop Weedy sono inoltre garantiti a norma di legge.

L'uso della canapa CBD e della cannabis THC: cosa dice la legge?

Canapa legale

In Francia, il consumo di cannabis THC è vietato e punibile dalla legge con una multa e persino con la pena detentiva.

d'altro canto la legge sull'uso della canapa CBD non è più chiara. Il nuovo prodotto è arrivato sul mercato francese, il dubbio espresso dalle autorità rimane comprensibile. Per i professionisti che utilizzano la canapa, questa vaghezza rallenta la loro presenza sul mercato. La Francia è il terzo produttore di canapa al mondo e anche il suo utilizzo per l'industria e il commercio è altamente regolamentato. La legge francese e le normative europee spesso si fanno eco.

Nuove discussioni in seno al Parlamento europeo sulla legalizzazione della cannabis terapeutica potrebbero ravvivare il dibattito e costringere le autorità a distinguere tra uso ricreativo della pianta e uso legato al benessere e contenente principalmente CBD. Caso da seguire allora!

Carrello Articolo cancellato annuler
  • Nessun prodotto nel carrello.