Menopausa, vampate di calore: cosa può fare il CBD?

Lo ha dimostrato un sondaggio condotto negli Stati Uniti Il 27% delle donne faceva uso di cannabis, in una forma o nell'altra, a alleviare i sintomi della menopausa. Tuttavia, i reali effetti della cannabis e dei suoi cannabinoidi (THC, CBD, ecc.) sulla menopausa sono ancora poco conosciuti e, per i consumatori, troppo spesso si tratta di testare cosa funziona o meno.

Ad esempio, cosa può il CBD per vampate di calore ? Quali prodotti consumare e perché? Quale dosaggio di CBD dovrebbe essere favorito durante la menopausa? Weedy.fr fa il punto su ciò che sappiamo e ti aiuta meglio capire se e come consumare la cannabis CBD durante la menopausa.

Cannabis e menopausa: l'idea non è nuova

cbd per vampate di calore min

Il CBD può limitare l'intensità delle vampate di calore?

Ci sono tracce scritte deluso della cannabis contro la menopausa già nel 1800. Ancora più sorprendente, troviamo allo stesso tempo casi documentati nei libri di medicina! E questi sono solo casi noti perché, ricordiamolo, la canapa (Cannabis L. Sativa) è una pianta domesticata dal primo neolitico.

12000 anni fa, quindi, alcune varietà erano già utilizzate per le loro proprietà. A quel tempo, pensiamo semplicemente alla cannabis magica e siamo lontani dall'immaginare che contenga decine, persino centinaia di cannabinoidi. E quindi altrettanti composti attivi, capaci di interagire più o meno fortemente con il nostro sistema endocannabinoide (SEC).

Le CBD chi lenisce è quindi lungi dall'essere identificato, allo stesso modo del rilevabile e i suoi effetti fluttuanti.

Poiché il THC è proibito in Francia poiché è considerato un narcotico, come nella maggior parte degli altri paesi europei, l'attenzione cade logicamente sul cannabidiolo, che è legale al 100%.

CBD per vampate di calore

a 70% di donne soffre di vampate di calore durante la menopausa. Non solo questo sintomo è sgradevole, ma si manifesta in media per 7,4 anni! È quindi difficile ignorarlo, soprattutto perché oltre alla sensazione di calore intenso che lo accompagna, alcune persone provano anche arrossamento, di suda, di brividi e, in casi più rari, vertigini.

Tutte le soluzioni, che sono più naturali, sono quindi buone da prendere. Tuttavia, sarebbe gradito avere alcuni dati scientifici un po' più documentati rispetto alle raccomandazioni del suo vicino.

Per comprendere meglio le speranze riposte sul Consumo di CBD per vampate di calore, guardiamo per un momento a cosa succede nel corpo e provoca vampate di calore durante la menopausa:

  1. L'ECS, attraverso i cannabinoidi naturalmente prodotti dall'organismo (endocannabinoidi), partecipa alla regolazione della temperatura corporea umana.
  2. I estrogeni sono particolarmente coinvolti nel metabolismo dell'ECS. Al momento della menopausa, tuttavia, il loro tasso diminuisce drasticamente poiché le ovaie smettono di produrli.
  3. A causa della diminuzione della quantità di estrogeni (principalmente estradiolo), il “termostato” naturale va storto, provocando l'insorgenza di vampate di calore.

Conoscendo questo fenomeno, sembra ragionevole pensarloagire sulla SEC è un buon modo per ridurre almeno l'intensità delle vampate di calore al momento della menopausa. E cosa c'è di meglio dei cannabinoidi per questo? Inoltre, la possibilità di ridurre le vampate di calore potrebbe non essere l'unico vantaggio del CBD al momento della menopausa.

cbd e menopausa min

Il calo della produzione di estrogeni porta all'interruzione del termostato naturale

Altri benefici del CBD per la menopausa

Le vampate di calore sono tutt'altro che l'unico sintomo della menopausa. A seconda di fattori diversi come la genetica, l'ambiente e persino l'etnia, possono essere molti e vari.

Principali sintomi della menopausa

  • Vampate di calore
  • Cambiamenti (e quindi cessazione) del ciclo mestruale
  • Insonnia e altri disturbi del sonno
  • stanchezza
  • irritabilità
  • Pelle secca, capelli e vagina
  • Mal di testa
  • Aumento di peso
  • Incontinenza urinaria
  • Aumento del rischio di osteoporosi
  • Aumento del rischio di malattie cardiovascolari

Niente di incoraggiante quindi, ma è fortunatamente possibile che certi sintomi non si manifestino mai e, se necessario, curarli o almeno attenuarli. Nei casi più restrittivi, a terapia ormonale sostitutiva (THM) è possibile.

Non è, tuttavia, senza effetti avversi (aumento del rischio di cancro, ictus e trombosi venosa) e non sembra prevenire il rischio cardiovascolare. Esistono altri trattamenti non ormonali, ciascuno farmaco insieme ai suoi vantaggi e svantaggi.

Questo spiega perché molte donne preferiscono rivolgersi, quando possibile senza rischi per il proprio stato di salute, a rimedi più naturali. Il CBD potrebbe quindi aiutare a ridurre diversi sintomi.

CBD per contrastare i disturbi del sonno legati alla menopausa

L'ECS è disperso in diversi punti del corpo. È quindi attivo su molti meccanismi del corpo umano. Egli è quindi responsabile in particolare di mantenimento dell'omeostasi, un processo di regolazione relativo, tra le altre cose, alla temperatura e alla circolazione sanguigna.

Agendo su di esso, il CBD potrebbe contribuire notevolmente addormentarsi più facilmente poi dormire meglio tutta la notte.

Regola l'umore con il CBD

I sbalzi d'umore sono un sintomo comune della menopausa o di qualsiasi altro disturbo ormonale. Possono essere accompagnati da a stato depresso più o meno pronunciato. Ancora una volta, il CBD può aiutare con il suo proprietà rilassanti. È noto per la sua capacità di calmare attacchi di panico e ansia, permettendogli di regolare l'umore.

Alleviare il dolore

Durante la menopausa, i dolori più comuni sono mal di testa. L'interruzione del ciclo mestruale può anche risvegliare il dolore correlatoendometriosi.

Alcuni studi mostrano la capacità del CBD di calma il segnali di dolore, in particolare grazie alla sua azione su alcuni ormoni, tra cui serotonina che agisce a livello cerebrale nella regolazione di diverse funzioni fisiologiche (sonno, dolore, appetito, umore).

Controlla i sentimenti di fame

Non cadiamo nei cliché, contrariamente a quanto a volte suggeriscono alcuni venditori di CBD senza scrupoli, questo cannabinoide non perde peso. Tuttavia, sembra probabile che il CBD possa partecipare al controllo della fame. Non porta quindi ad un dimagrimento diretto, ma potrebbe influenzare il nostro appetito più in generale. Caso da seguire!

Olio di canapa per idratare pelle e capelli

Infine, non bisogna dimenticare che il CBD si estrae dalla canapa. Idratante e nutriente, ilolio di canapa è un prodotto naturale di prima scelta allevia la pelle secca e il cuoio capelluto irritato, o per ridare lucentezza ai capelli spenti.

Consumata sotto forma di semi o farina, la canapa è anche a superalimento ricco di fibre, proteine ​​e acidi grassi che, tra le altre cose, aiuta a prenditi cura della tua salute cardiovascolare.

cbd per la menopausa min

Le proprietà del CBD utili in caso di menopausa sono numerose

Prodotti CBD per menopausa e vampate di calore

Senza essere una cura miracolosa, il CBD sembra quindi in grado di aiutare a contrastare molti effetti indesiderati della menopausa. Resta da sapere a quali prodotti rivolgersi. Il primo istinto da avere è interessarsi alla qualità del CBD.

Qualunque sia il prodotto scelto, è importante privilegiare un CBD di buona qualità, cosa possibile privilegiando:

  • Un CBD di a agricoltura rispettosa dell'ambiente (senza pesticidi o metalli pesanti),
  • Una estrazione pulita, idealmente CO2 (nel caso di prodotti trasformati come olio o creme di CBD in particolare),
  • Una lista degli ingredienti il più limitato e naturale possibile (evitare conservanti ed esaltatori di sapidità).

Una volta seguite queste poche regole, sta a te trovare il prodotto che fa per te. il Negozio CBD Weedy. Fr ne è pieno, tutti soddisfano questi criteri! Uno preso da percorso sublinguale (sotto la lingua) o orale è comunque il più salutare. Il Oli di CBD sono quindi ampiamente consigliati nel contesto della menopausa poiché sono salutari, pratici da usare e hanno effetti rapidi.

Come dosare il CBD durante la menopausa?

Ci sono pochissimi studi scientifici approfonditi sui legami tra CBD e menopausa. Non si conosce quindi il dosaggio ideale. e probabilmente sarebbe di scarso interesse poiché tutti reagiamo in modo diverso ai cannabinoidi.

Si consiglia pertanto di iniziare con una dose bassa (segui le indicazioni per l'utilizzo del tuo prodotto CBD), quindi aumenta gradualmente fino a ottenere gli effetti desiderati. Niente da temere: il effetti collaterali del CBD sono rari ed è anche impossibile overdose. Tuttavia, un sovradosaggio non sarebbe utile e rappresenterebbe una spesa non necessaria.

Una buona regola pratica è per cominciare un milligrammo di CBD al giorno per 5 chilogrammi di peso corporeo (12 milligrammi per una persona di 60 kg per esempio). In caso di dubbio, la nostra guida dedicata a dosaggio del CBD ti fornisce esempi concreti, adattati al tipo di prodotto selezionato.

Condividere: