Vero o falso: 8 miti sul CBD sotto esame

Conoscere un boom fulmineo dal 2018, il mercato del CBD è ancora relativamente giovane. Anche se la ricerca scientifica su di esso è in aumento, a dimostrazione delle sue proprietà virtuose, ne sentiamo ancora parlare tanto da far fischiare le orecchie degli esperti. Allora, leggenda metropolitana o realtà ? Weedy.fr ha elencato otto delle affermazioni più comuni sul cannabidiolo e le suddivide per te. Un buono controllo dei fatti mai fatto del male a nessuno!

Falso: il CBD può farti sballare

il cbd non può alzarsi al minimo

Alcuni componenti della cannabis possono farti sballare, ma il CBD no

è risaputo, la cannabis si sballa. Questo è anche il motivo per cui è ancora vietato in molti paesi. Poiché il CBD viene estratto direttamente dalla cannabis, ha anche buone possibilità di sballarsi. No ? No ! In effetti, il CBD è solo un cannabinoide tra tanti (almeno un centinaio). Isolato, non ha proprietà psicotrope. Non può quindi in nessun caso far perdere il controllo al consumatore. Se si osserva un effetto elevato, è necessariamente dovuto a qualcosa di diverso dal CBD e, nella maggior parte dei casi, perché il prodotto in questione conteneva rilevabile (o la sua forma acida, il THCA).

Vero: il CBD non è pericoloso e può essere consumato a qualsiasi età

Un'altra affermazione ricorrente sul CBD: "Ci manca la prospettiva". In effetti, gli studi scientifici su di esso sono centinaia, se non migliaia. Anche se è vero che non sappiamo ancora esattamente come dosarlo in quale situazione, la sua non pericolosità è accertata. Il CBD è persino raccomandato in alcuni paesi del trattamento dell'epilessia, particolarmente nei bambini [collegamento in inglese]. Aiuta anche anziano per alleviare il dolore.

Tuttavia, c'è il rischio diinterazione farmacologica con determinati trattamenti, in particolare antidepressivi, da qui l'interesse di parla con il tuo medico della tua disponibilità a prendere CBD prima di iniziare il consumo regolare.

Vero: il cannabidiolo è legale in Europa

il cbd è legale in tutta l'unione europea min

L'Unione Europea riconosce l'assenza di pericolosità del CBD e quindi lo autorizza in tutti i suoi stati membri

Qualunque cosa dicano i suoi detrattori, Il CBD è legale al 100% all'interno dell'Unione Europea. Questa autorizzazione riguarda quindi tutti i suoi Stati membri, compresa la Francia. Le poche aree grigie che rimangono intorno alla legalità riguardano solo i prodotti a base di cannabis light che contengono anche componenti diversi dal CBD. Questo è il caso di fiori e foglie, ma in nessun caso del cannabidiolo nella sua forma isolata. Il Oli di CBD, e-liquido, concentrato, capsule e altre patch hanno un brillante futuro davanti a loro.

Vero: il CBD agisce sul nostro sistema endocannabinoide

Questo è assolutamente vero e ampiamente scientificamente provato: il cannabidiolo è in grado di interagire con il nostro sistema endocannabinoide, o SEC. In effetti, la cannabis non è l'unico organismo vivente in grado di produrre cannabinoidi. Tutti i mammiferi lo producono, compreso l'uomo. Parliamo poi diendocannabinoidi. Quando consumiamo CBD, il nostro corpo pensa di riconoscere una molecola naturale. Ecco perchè il nostro sistema nervoso e immunitario reagisce al suo consumo, e anche perché il nostro animali domestici sono anche ricettivi ad esso.

Falso: la stessa quantità di CBD ha sempre gli stessi effetti

Questa affermazione è doppiamente falsa. Primo perché, da un individuo all'altro, gli effetti dei cannabinoidi non sono gli stessi. Le nostre dimensioni corporee, le abitudini di consumo, lo stato d'animo e persino il nostro corredo genetico giocano un ruolo nel modo in cui rispondiamo al CBD: è il legge di effetto. Allora perché il come viene consumato il CBD influenza direttamente la sua assimilazione. L'inalazione provoca quindi, ad esempio, effetti più rapidi e marcati rispetto all'assunzione orale che induce effetti più diffusi diffusi nel tempo, e questo a parità di quantità di CBD.

Falso: aumentare una dose di CBD porta ad effetti più marcati

La buona notizia è che è semplicemente impossibile overdose di CBD. Nessun rischio da questa parte, il effetti collaterali rimarranno di meno in caso di consumo eccessivo (secchezza delle fauci, gonfiore, nel peggiore dei casi nausea). Tuttavia, aumentare una dose di CBD non consente necessariamente di ottenere effetti più marcati. Ecco perché si consiglia di iniziare con un dosaggio leggero, quindi aumentare gradualmente la dose fino a trovare la quantità ideale per te. Ciò eviterà sia di spendere più del necessario sia di causare una dipendenza non necessaria dal prodotto (che ti farà aumentare nuovamente la dose).

Falso: il consumo di cannabis legale non comporta alcun rischio in caso di controllo della polizia

La sfumatura qui è nella natura del prodotto consumato. Se ti attieni a un Isolato di CBD puro allora, anzi, il rischio in caso di controllo l'antidroga fa schifo. Questo perché i controlli di polizia cercano solo THC e THCA. Poiché il CBD è legale e innocuo, non c'è motivo di ricercarlo. Tuttavia, attenzione prodotti non trasformati da l'attuale legge consente un livello di THC nella pianta dello 0,2% (con un aumento previsto di 0,3%). Sebbene piccolo, questo tasso può essere sufficiente per fare un test positivo. Quindi fai attenzione a garantire la composizione dei tuoi prodotti CBD. La soluzione migliore è ottenere rifornimenti solo da rivenditori seri.

Vero: il CBD di qualità è facile da ottenere

è facile ottenere CBD di qualità minima

Acquistare CBD di qualità è diventato più facile, basta trovare un rivenditore serio

Tra negozi fisici e online, non è più difficile reperire prodotti CBD di qualità. Assicurati solo di garantire la serietà del rivenditore al fine di beneficiare di prodotti sani e legali. Lo sapevi Weedy . Fr è uno dei primissimi venditori francesi di CBD? I nostri consulenti sono reali esperti legali di cannabis e sono a tua disposizione per supportarti nella tua scelta.

Condividere: